Gli integratori di vitamina D, riducono le malattie autoimmuni

0
217

Secondo una nuova ricerca pubblicata sul BMJ: l’assunzione giornaliera di integratori di vitamina D e olio di pesce. Può aiutare gli anziani a evitare di sviluppare malattie autoimmuni. Come l’artrite reumatoide, le malattie della tiroide e la psoriasi.

Lo studio su gli integratori di vitamina D e olio di pesce

Le malattie autoimmuni, in cui il sistema immunitario del corpo si attacca erroneamente, sono estremamente comuni e la probabilità di svilupparne una aumenta con l’età. Sebbene tutte le malattie autoimmuni differiscano in una certa misura, in genere si sviluppano gradualmente nel corso di mesi o anni. I ricercatori volevano sapere se la vitamina D e gli acidi grassi a catena lunga di origine marina. Noti anche come olio di pesce, potessero per la loro capacità di regolare il sistema immunitario e ridurre l’infiammazione. Proteggere anche dai disturbi autoimmuni. Potrebbero, a quanto pare.

“Non ci sono altri trattamenti o terapie preventive disponibili per i disturbi autoimmuni”

Afferma JoAnn Manson, MPH, coautrice dello studio e capo della medicina preventiva al Brigham and Women’s Hospital. I disturbi autoimmuni sono comuni e hanno un impatto significativo sulla salute e sulla qualità della vita. “Questi integratori possono avere il potenziale per ridurre la morbilità associata ai disturbi autoimmuni”, aggiunge.

Prima di acquistare integratori di vitamina D e olio di pesce

La coautrice Karen Costenbader, MD, MPH, ha rivelato in un corrispondente pezzo di opinione di BMJ. Allo studio che lei e i suoi colleghi si sono proposti di rispondere a questa domanda posta ai medici dai pazienti. “Quali vitamine o integratori mi consigliate di assumere?” La dott.ssa Costenbader, direttrice del programma lupus presso la divisione di reumatologia del Brigham and Women’s Hospital. Afferma di poter ora indicare questo studio. Che suggerisce che le donne sopra i 55 anni e gli uomini sopra i 50 anni assumono 1.000 mg di acidi grassi marini omega-3 (olio di pesce). E 2.000 UI di vitamina D al giorno per ridurre il rischio di malattie autoimmuni.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 25.871

Uomini e donne di età superiore ai 50 e 55 anni per lo studio. Stavano partecipando a VITAL, uno studio randomizzato, in doppio cieco. Controllato con placebo per vedere se l’assunzione di integratori di vitamina D e olio di pesce. Potesse aiutare a prevenire il cancro e le malattie cardiovascolari. I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi e seguiti per circa cinque anni. Quelli che assumevano 2000 UI/die di vitamina D, quelli che assumevano 1000 mg/die di olio di pesce. E quelli che assumevano dosi placebo di vitamina D e olio di pesce. Su base annuale, è stato anche chiesto loro di segnalare eventuali nuove diagnosi, effetti collaterali o aderenza allo studio.

Alleviare l’emicrania: gli Omega 3 possono aiutare

Nonostante il fatto che VITAL non abbia mostrato alcun beneficio

Nella prevenzione del cancro o delle malattie cardiovascolari, i ricercatori hanno scelto di utilizzare gli stessi dati per studiare gli effetti degli integratori sulle malattie autoimmuni, ed è qui che hanno scoperto il maggior beneficio. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le persone che assumevano integratori di vitamina D con o senza olio di pesce avevano il 22% in meno di probabilità di sviluppare una malattia autoimmune. I ricercatori hanno determinato che coloro che hanno ricevuto un’integrazione di olio di pesce con o senza vitamina D avevano un tasso inferiore del 15% di malattie autoimmuni, sebbene questo fosse ritenuto “non statisticamente significativo” rispetto al placebo.

"Abbiamo scoperto che i partecipanti che hanno assunto le due pillole placebo avevano il rischio più alto di malattie autoimmuni", dice il dottor Costenbader a Health. “Ero estasiato quando finalmente abbiamo ottenuto i nostri risultati. Questa è la prima cosa che sappiamo fare per prevenire le malattie autoimmuni ed è una terapia comprovata”.

Lo studio su gli integratori ha seguito i partecipanti per poco più di cinque anni

Il dottor Manson afferma che gli effetti osservati dopo soli due anni di integrazione erano significativi. “Gli effetti di questi integratori spesso possono richiedere molto tempo per manifestarsi. Il fatto che questo beneficio fosse visibile entro due anni – sembrava esserci una riduzione emergente – e quindi statisticamente significativo in cinque anni per la sola vitamina D o in combinazione con omega-3 è stato sorprendente”.

Sebbene i risultati dello studio siano stati significativi

Sono necessarie ulteriori ricerche per rispondere ad ulteriori domande sulla supplementazione di vitamina D e olio di pesce e sul loro effetto sulle malattie autoimmuni, in particolare se gli effetti preventivi sono di lunga durata e possono essere replicati nelle generazioni più giovani. “Siamo particolarmente interessati a guardare i giovani adulti perché le malattie autoimmuni si manifestano spesso nella prima età adulta”, ha spiegato Manson. “Uno studio di follow-up incentrato sui giovani adulti con fattori di rischio di disturbi immunitari e una forte storia familiare sarebbe molto utile per determinare se i risultati possono essere replicati”.

Dovresti iniziare a prendere vitamina D e olio di pesce?

Sebbene le vitamine e gli integratori siano generalmente considerati sicuri, è comunque possibile assumerne troppi, motivo per cui tutti i nuovi che vuoi provare dovrebbero essere discussi con il tuo medico (o anche se vuoi aumentare il dosaggio). I partecipanti a questo studio hanno ricevuto 2.000 UI/die di vitamina D, che rientra tra la dose giornaliera raccomandata per gli adulti (600-800 UI) e il limite superiore per gli adulti (4.000 UI), secondo il National Institutes of Health’s Office di Integratori Alimentari.

Le raccomandazioni quotidiane del NIH

Secondo Manson, riguardano principalmente la salute delle ossa. “Non hanno raccomandazioni per prevenire altre malattie croniche come il cancro o le malattie cardiovascolari, o per prevenire le malattie autoimmuni”, ha spiegato. “Abbiamo testato questi integratori per 5,3 anni e abbiamo scoperto che erano estremamente sicuri”. Tuttavia, puoi esagerare con la vitamina D. “Le persone dovrebbero tenere presente che l’assunzione di troppa vitamina D può potenzialmente causare tossicità, quindi non è raccomandato assumere più di 2000 UI al giorno su base regolare”, Ozlem Pala, MD, a reumatologo presso l’Università di Miami Health System, dice a Health. L’eccesso di vitamina D può causare nausea e vomito, debolezza muscolare e calcoli renali, tra gli altri problemi; livelli estremamente elevati nel sangue possono causare insufficienza renale o addirittura la morte.

Può anche interagire con farmaci come statine e steroidi

Per quanto riguarda l’olio di pesce (la dose di studio era di 1.000 mg/die), il NIH raccomanda una dose giornaliera da 1.100 mg/die a 1.600 mg/die rispettivamente per le donne e gli uomini adulti. Gli integratori alimentari contenenti fino a 5 g/die (5.000 mg/die) di EPA e DHA (i tipi di omega-3 presenti nell’olio di pesce) sono considerati sicuri dalla Food and Drug Administration. Sebbene gli omega-3 in genere abbiano solo effetti collaterali minori, l’integrazione può interagire con anticoagulanti o anticoagulanti. Secondo il dottor Costenbader, eventuali nuove vitamine dovrebbero essere discusse con il proprio medico. “Credo che chiunque voglia iniziare a prendere integratori da banco si consulterà con il proprio medico per assicurarsi che non interagisca con altri farmaci o altri problemi di salute”.