Chlorella: l’integratore vegetale vegano B12 e animale

0
246

Anche le alghe, come la Chlorella, non sono tecnicamente piante, ma organismi unicellulari “simili a piante” che “contengono ogni organo necessario per una vita”. Mentre la maggior parte degli organismi viventi è composta da molte cellule, una singola cellula di clorella è una forma di vita indipendente. Si chiama organismo unicellulare.

La chlorella è una pianta microscopica invisibile ad occhio nudo

E’ dotata di ogni organo e funzione necessaria per una vita nella sua cellula come un organismo completo. La chlorella è una meravigliosa pianta unicellulare che possiede più capacità e potenza delle piante comunemente viste. La chlorella è un “organismo unicellulare” completo di “ogni organo e funzione necessaria alla vita” proprio come un animale.

Non solo, ma Chlorella possiede anche più “capacità e potere”

Di quanto comunemente si vede nelle piante. Forse è così perché non è affatto una pianta. Convenientemente, la chlorella è un minuscolo organismo “simile a una pianta” che i vegani non considerano un animale nel senso classico, presumibilmente, come un mezzo per ignorare la violazione del dogma vegano. Proprio come i batteri, che sono anche considerati “non animali”, anche “organismi unicellulari simili a piante completi di ogni organo necessario per la vita” non sono considerati “vivi” nel senso animale vegano.

Ora esaminiamo la vita dei batteri

Che sono costretti, a migliaia di miliardi, a comprendere la B12 presente nel lievito alimentare per l’integrazione vegana. L’ Australian Museum dice ancora: “No, i batteri non sono animali. Sebbene i batteri condividano alcune caratteristiche con gli animali, ad esempio, i batteri producono un tipico acido nucleico che si trova in alcune parti del pancreas, della milza e dello sperma umano”. Quindi, ancora una volta, le vite dei batteri sono state relegate dagli scienziati occidentali a uno status non animale, sebbene curiosamente “condividano alcune caratteristiche con gli animali”, proprio come la clorella, queste caratteristiche sono opportunamente trascurate per placare il relativismo morale su cui fanno affidamento i vegani.

Esaminiamo la vita, i tempi e i desideri dei batteri

In questo videodi un batterio inseguito da un globulo bianco. Chiaramente il batterio nel video sopra mostra il desiderio di sopravvivere alla predazione e la capacità di navigare nel suo ambiente per eludere i predatori, perché, proprio come un animale mobile ea differenza delle piante, ha il desiderio e la capacità di continuare a vivere ed eludere. Ora esaminiamo i cervi che sfuggono alla predazione dei lupi. Possiamo vedere chiaramente la somiglianza tra i desideri dell’organismo e, indipendentemente dalla composizione cellulare dei batteri e dalle opinioni su di essi derivate dagli scienziati occidentali, proprio come gli animali, i batteri mostrano un’evidente forte volontà di vivere.

Il lievito nutrizionale è un lievito disattivato

Il che significa che le cellule di lievito vengono uccise durante la lavorazione e inattive nel prodotto finale. È descritto come avente un sapore di nocciola, formaggio e salato. È un comune sostituto del formaggio vegano. Il lievito alimentare si presenta sotto forma di polvere o fiocchi. I batteri nutritivi del lievito vengono prima violati attraverso la modificazione genetica per aumentare la produzione di B12 per le pratiche industriali e poi silenziosamente “disattivati” (uccisi) dagli innumerevoli trilioni per produrre formaggio vegano, in modo che i vegani possano gustare il formaggio senza il senso di colpa associato al vero formaggio. Ora stiamo iniziando a vedere le strane contraddizioni formulate nella mentalità vegana.

Invece di carne e latticini

Gli esperti raccomandano di assumere integratori o di mangiare cibi vegani che sono stati fortificati con B12. Le linee guida dietetiche per gli americani raccomandano di assumere il maggior numero possibile di sostanze nutritive dal cibo, ma, come osserva il dott. Greger, potrebbe essere difficile ottenere quantità sufficienti di B12 da cibi fortificati. Tuttavia, sostiene che l’assunzione di un integratore alimentare sarà il modo più efficiente per la maggior parte di assumere la B12.

La chlorella contiene dal 50 al 60 % di proteine ​​

Ed è una fonte proteica completa, il che significa che contiene tutti e nove gli aminoacidi essenziali, oltre a vitamina B12, ferro, vitamina C, beta-carotene, licopene e luteina, magnesio , zinco, rame, potassio, calcio, acido folico e acidi grassi omega-3. La vitamina B12 allo stato naturale si trova solo attraverso la produzione di microbi del suolo, batteri intestinali dall’intestino crasso, nella carne degli animali e nel loro latte e, guarda caso, nella chlorella.

Chlorella in pastiglie