Formafantasma e “Mondo Reale” a Milano Design Week

Talk e djset rendono più interessante il programma di Milano Design Week

0
397
Formafantasma
MACE_S03_FOTO @ Riccardo Dubitante

Milano Design Week propone anche incontri e documentari su creativi e architetti che hanno influenzato l’estetica contemporanea. Anche lo studio Formafantasma partecipa al Public Program con una discussione sulla mostra Mondo Reale.


MEMPHIS AGAIN: il design milanese degli anni Ottanta


Perché invitare lo studio Formafantasma a Milano Design Week?

Formafantasma ha ideato il concept di Mondo Reale per la 239a Esposizione internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries. Partendo dal titolo evocativo, l’allestimento mira a rispondere a una domanda apparentemente semplice: cos’è la realtà nel contesto di una mostra costruita? Lo studio di design ha sviluppato il percorso come un esercizio di bilanciamento tra le esigenze dell’arte contemporanea di esistere nell’astrazione spaziale del white cube museale. Ha considerando al contempo le implicazioni ecologiche della progettazione di uno spazio temporaneo.

Gli appuntamenti di oggi

  • Alle 18.30 è in programma un omaggio a Paulo Mendes da Rocha con la proiezione del documentario It’s All a Plan di Joana Mendes da Rocha e Patricia Rubano. Il film sulla vita e il lavoro di uno tra i più celebri architetti brasiliani, è vincitore del prestigioso Premio Pritzker. Racconta la sua storia e gli alti e bassi della sua straordinaria esistenza attraverso una serie di interviste con la figlia Joana, sviluppate durante un periodo di dieci anni. Introduce la serata Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano. Intervengono: Taissa Buescu, curatrice dell’evento, giornalista e curatrice di design, Nadezhda Mendes da Rocha, architetto e designer, e anche Carlo Gandolfi, fondatore dello studio Bunker di Milano. Inoltre, è PhD in Composizione architettonica allo IUAV e Professore associato di Progettazione architettonica e urbana, Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Parma.
  • Dalle 19.30 alle 23.30 Mace at Triennale Milano
    Evento a ingresso libero.
    In occasione della Milano Design Week, lo spazio espositivo organizza nel Giardino Giancarlo De Carlo un grande evento musicale aperto alla città. Nell’ambito di Triennale Estate sarà presentato dalle 19.30 il dj set di Ilaria Gr e poi, alle 21.30, di Mace.

Giovedì 9 giugno

  • Alle 14.30 Le Tesi di Milano
    A cura di: Triennale Milano e Università Cattolica
    In collaborazione con: Politecnico di Milano, MEET, Fondazione Italia Sociale, Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco.
    Triennale ospita il Side event del festival New European Bauhaus, promosso dalla Commissione europea a Bruxelles e di cui Triennale Milano è partner. Introduce Massimo Gaudena, Capo della Rappresentanza della Commissione europea a Milano. Interverranno: Marco Sammicheli, Direttore del Museo del Design Italiano di Triennale Milano, pure i docenti dell’Università Cattolica, Gabrio Forti e Federica Olivares. Sono infatti i referenti del progetto per l’Ateneo. Presenzieranno anche: Maria Grazia Mattei, Presidente di MEET, Stefano Mirti, Direttore di Scuola Superiore d’Arte Applicata del Castello Sforzesco. Paola Moro, Comunicazione di Fondazione Italia Sociale, Ilaria Valente, Docente del Politecnico di Milano. Si esibiranno l’artista poi Pietro Pirelli e l’attrice Maria Villani.

Venerdì 10 giugno incontro con Formafantasma

  • Appuntamento alle 18.30 con Formafantasma
    Ingresso libero. Il talk sarà in inglese.
    In collaborazione con Fondation Cartier pour l’art contemporain
    In occasione di Design Week, un incontro con i designer Formafantasma proposto dalla Fondation Cartier pour l’art contemporain. Quindi un’anticipazione della prossima mostra Mondo Reale, nell’ambito della 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries. Introducono Stefano Boeri, Presidente di Triennale Milano, e Grazia Quaroni, Direttore esecutivo partenariato Fondation Cartier pour l’art contemporain. Modera: Michela Alessandrini, curatrice, Fondation Cartier pour l’art contemporain.
  • Immagine da cartella stampa.