Cambridge: l’importanza del gioco nell’apprendimento a casa

Paul Ramchandani, primo professore LEGO di Play in Education, sottolinea come l'apprendimento a casa non dovrebbe sembrare una scuola. Puntando sull'aspetto fondamentale del gioco, i Lego ad esempio. Si chiede inoltre quanto sia efficace la scolarizzazione in tenerissima età.

0
862

Con le scuole chiuse gli apprendimenti scolastici si sono improvvisamente trasferiti tra le mura di domestiche. I genitori si sono ritrovati a svolgere il ruolo di insegnanti, spesso con diverse difficoltà.

Scuole chiuse. La “Tombola delle storie” e Rodari per non annoiarsi a casa

I giochi da tavolo d’ispirazione letteraria

Secondo Paul Ramchandani, consulente britannico in psichiatra infantile e adolescenziale, la chiusura delle scuole potrebbe essere un’ottima opportunità per favorire l’apprendimento a casa.

Ma soprattutto le mura domestiche non devono diventare le mura scolastiche.

In quest’ottica il ruolo del gioco e del coinvolgimento dei genitori è cruciale.

Paul G. Ramchandani, primo professore LEGO di Play in Education, ex docente di salute mentale per bambini e adolescenti all’Imperial College di Londra, lavora anche come consulente psichiatrico per bambini e adolescenti presso il SSN.

Il ruolo del gioco e della figura paterna

Il gioco inizia presto, ed è una parte centrale della vita del bambino, fin dalla primissima infanzia. Esso è molto legato alla curiosità, sia nell’uomo che negli animali.

Il gioco è il mezzo con cui il bambino impara qualcosa di sé , del mondo e delle persone che lo circondano. Esplora oggetti sconosciuti ed entra in intimità con loro.

La capacità di un genitore di notare, interpretare e rispondere bene al tentativo di comunicazione di un bambino può influenzare positivamente lo sviluppo“, afferma il professor Ramchandani.

La figura del papà, in questo senso, diventa cruciale. Il padre può svolgere un ruolo unico.

Da alcuni degli studi che abbiamo svolto, sappiamo che i figli dei padri più coinvolti, di solito in modo giocoso, tendono a fare meglio in termini di comportamento e sviluppo“, afferma il professore.

Ramchandani sottolinea che non è importante il tipo di gioco, i bambini impareranno e apprezzeranno differenti tipi di attività ludica. Ciò che è importante è prendersi il tempo di giocare con loro. Rispettare i loro tempi.

Il lockdown, in questo senso, può dare spazio e tempo da dedicare ai figli.

Il gioco duro e in caduta (come le capriole, ad esempio), o altri tipi di gioco fisico possono essere molto divertenti e possono aiutare i bambini a imparare molte abilità diverse. Come la coordinazione fisica e l’autocontrollo“, aggiunge. 

I papà possono anche essere coinvolti in una vasta gamma di attività di gioco, tra cui giochi divertenti e cantare canzoni con i bambini più piccoli“.

Ramchandani suggerisce di osservare il bambino durante l’attività. Lasciare che sia lui a condurre il gioco, dettare le regole.

La chiave dell’apprendimento sta tutta qui. Utile per supportare il suo sviluppo cognitivo e sociale. Rispettando i suoi di tempi, rallentando quando lo richiede.

La cosa più importante per i bambini piccoli in periodi di stress è ricevere cure e amore prevedibili dai genitori o dalle figure di riferimento, ma il tempo per giocare aiuterà“.

Ben venga se il bambino preferisce trascorrere le sue giornate a giocare al bravo costruttore con i Lego. I mattoncini di plastica sono, da sempre, uno strumento utile negli apprendimenti. Presenti in qualsiasi struttura per l’infanzia.

Quindi gioca tutto il giorno con mattoni e teste quadrate di plastica? “No, è un ottimo titolo professionale, ma sapevo che non avrebbe comportato – come suggerito da alcuni titoli dei media – insegnare agli studenti a giocare con i Lego”.

I LOVE LEGO: le opere d’arte riprodotte con i mattoncini Lego

La ricerca di Cambridge sul ruolo del gioco nello sviluppo del bambino

Ramchandani è stato incaricato di condurre la ricerca di Cambridge sul ruolo del gioco nello sviluppo del bambino.

Egli esprime le sue perplessità sull’efficacia, nei bambini piccoli, di un’istruzione formalizzata. Sottolinea come non vi siano prove che, ritardando l’ingresso a scuola, i bambini possano manifestare problemi in futuro.

Le opportunità di gioco non strutturato nei primi anni sono davvero importanti e si aspettano che i bambini piccoli siedano e imparino in ambienti strutturati per lunghi periodi. Non si adattano alle loro esigenze di sviluppo“, spiega il professore. 

Non ho ancora visto alcuna prova che i bambini nei sistemi che formalizzano l’educazione in seguito facciano di peggio. Quindi mi propongo di pensare che dovremmo formalizzare l’educazione un po’ più tardi“.

Sottolineando quindi l’importanza di lasciare al bambino più tempo da dedicare al gioco non strutturato.

Il gioco – dice – è il modo in cui un bambino esplora il mondo, apprende le conseguenze, come le cose si adattano e come funzionano le relazioni”. 

“Stiamo cercando di capire dove può funzionare il gioco, perché – spiega il professore – non è che se lasciamo i bambini al gioco libero, impareranno meglio. Non ci sono prove per quello“.

Il punto della ricerca è capire dove e come l’approccio ludico può funzionare meglio.

La critica alla struttura educativa del Regno Unito

Paul Ramchandani è critico nei confronti della struttura educativa del Regno Unito. Perplessità che si concentrano soprattutto sull’apprendimento formale. 

Faccio fatica con il modo in cui l’apprendimento è istituito in questo paese, in termini di età in cui prevediamo che i bambini si sistemino e si siedano in classe.Ai bambini in tenera età vengono ora definiti obiettivi di apprendimento“. 

Nel mio lavoro di psichiatra infantile – sottolinea – ho visto molti ragazzi, in particolare, che vengono rimandati perché non sono in grado di stare fermi in classe e frequentare la lezione“.

Vero che alcuni di loro, valutati da specialisti, manifestano gravi disturbi neuro-evolutivi.

Ma, come chiarisce Ramchandanice ne sono molti altri che finiscono in difficoltà perché non sono ancora pronti a stare seduti così. Vengono ingiustamente etichettati come difficili o non adatti.

La mancanza di finanziamenti alle scuole statali

Ciò che preoccupa Ramchandani è la mancanza di finanziamenti alle scuole statali, rispetto alle scuole private.

Mancanza che, inevitabilmente, porta ad una disuguaglianza di opportunità fin dall’inizio. Un dislivello che, secondo il professore, è l’aspetto peggiore del sistema scolastico.

Mi chiedo cosa direbbe un visitatore di un altro pianeta. Siamo pronti ad assegnare i bambini a sistemi di istruzione con risorse enormemente diverse, proprio sulla base della ricchezza della loro famiglia. È sconcertante. È ridicolo. Restringe le opportunità a tutti. Significa che non stiamo sfruttando al meglio i talenti della più vasta gamma di persone, il che è folle“, commenta il professore.

Come tanti britannici, Ramchandani si è formato nelle scuole statali. Verso le quali, tra l’altro, esprime grande stima. Frequentò le scuole statali di Bristol, dove si trasferì la sua famiglia. Medicina all’Università di Southampton.

Decise di concentrarsi sui bambini dopo aver notato che molti dei problemi di salute mentale in età adulta spesso sono iniziati durante l’infanzia.

Il suo suggerimento è aumentare il finanziamento alle scuole statali per fornire più insegnanti per alunno. Un governo più unito pensando alle opportunità per i bambini, in particolare nei primi anni.