Trovato morto in località San Zeno Arezzo

0
336
Trovato cadavere

Trovato morto lungo il Sentiero della Bonifica ieri sera intorno alle 21,30 in località San Zeno Arezzo

E’ successo ieri sera intorno alle 21,30, trovato morto un passante che ha allertato le forze dell’ordine. Ipotesi malore prevalente, ma non si escludono altre piste: indagano gli operatori della questura aretina. Disposta l’autopsia.

Un uomo di mezza età, aretino, è stato trovato morto ieri sera nei pressi del sentiero della bonifica in località San Zeno. Era vicino ad un motorino, con il quale verosimilmente la persona era arrivata sul posto. Sono intervenuti gli uomini della squadra mobile della questura di Arezzo, guidata dal dirigente Pietro Luca Penta, ed è stata avviata un’indagine. La Procura aretina ha aperto un fascicolo e al momento non si ipotizzano reati, tuttavia è stata disposta l’autopsia per fare luce sull’accaduto. E’ possibile che l’uomo sia stato colto da un malore, ma ogni pista sulle cause della morte resta aperta.

Servizi a contrasto di reati di tipo predatorio e antidroga ad Arezzo

Aggressione in Piazza della Badia Arezzo: 4 fermi

Datore di lavoro minaccia ex dipendente che voleva essere pagato ad Arezzo

La ricostruzione dell’accaduto

Erano le 21,30 circa quando un passante si è reso conto che il corpo di una persona era disteso a terra. Ha allertato i soccorritori, che hanno soltanto potuto constatare l’avvenuto decesso dell’uomo. Vicino al cadavere c’era un motorino, con cui presumibilmente la persona era giunta in zona. Gli inquirenti hanno cercato di ricostruire gli ultimi istanti di vita dell’uomo, partendo dai dettagli e dalle testimonianze. L’uomo aveva una ferita in testa, ma è stato escluso l’incidente: il motorino era parcheggiato, non stava marciando.

Si tende ad escludere anche l’omicidio. Verosimilmente la persona, scesa di sella, è stata colta da un malore e cadendo avrebbe sbattuto la testa, procurandosi le lesioni. L’autopsia, disposta dal magistrato Chiara Pistolesi, potrebbe fornire ulteriori dettagli in merito all’accaduto. In subordine al malore, non si esclude la pista dell’estremo gesto: la persona potrebbe aver ingerito deliberatamente qualche sostanza che ne avrebbe causato l’arresto cardiaco. Nei pressi dell’accaduto, a terra, sarebbe stato rintracciato un bicchierino di plastica. Ma si tratta di ipotesi: gli esami delle prossime ore chiariranno i contorni della tragedia.