Usa: prosegue la ritirata delle truppe Usa dall’Afghanistan

0
228
auto-bomba in Afghanistan

La ritirata delle forze armate di Washington dall’Afghanistan prosegue ma non sono poche le difficoltà. I talebani infatti hanno risposto ai movimenti statunitensi occupando territori e acquisendo il controllo strategico di località prima tornate libere. Una di queste, ed è una delle località più importanti per i talebani, è Konduz, località strategica persa dai talebani nel 2015.

Usa: come si svolgerà la ritirata dall’Afghanistan?

La ritirata programmata prima da Trump e poi da Joe Biden dovrà passare inevitabilmente per diversi step. In primis, il presidente americano incontrerà il suo omologo afghano Ashraf Ghani. I due discuteranno non solo delle procedure da attuare ma anche del futuro del paese. Le vere incognite infatti riguardano le modalità con cui il governo afghano cercherà di fermare le numerosissime basi etniche, spesso fondamentaliste, che vivono in Afghanistan. Questa scelta, ovviamente fondamentale per le sorti del paese, dovrà essere discussa e pianificata in maniera certotosina. Ci sarà poi da vedere come le popolazioni locali reagiranno ai cambiamenti di questo tipo, dopo che sono passati oltre vent’anni di una guerra fondamentalmente inutile che è costata miliardi di dollari. Insomma, gli Stati Uniti dovranno sì abbandonare le loro basi militare ma dovranno anche assicurare al popolo afghano un futuro, il più positivamente auspicabile possibile.


Attacco in Afghanistan: i Talebani uccidono 10 sminatori

Afghanistan: il premier Morrison annuncia la chiusura dell’ambasciata australiana