Afghanistan: il premier Morrison annuncia la chiusura dell’ambasciata australiana

0
238
Scott Morrison, primo ministro Australia

Il premier dell’Australia Scott Morrison ha annunciato che entro il 28 maggio l’ambasciata del suo paese chiuderà i battenti in Afghanistan. L’annuncio ha scatenato già le prime reazioni ed è collegato ai recenti timori dovuto agli spostamenti delle truppe americane. Gli americani hanno infatti annunciato che dal 1 maggio 2021 sposteranno le proprie truppe dal paese, lo spostamento sarà completato entro l’11 settembre 2021. La scelta di Morrison è dunque collegata alla crescente tensione da parte dei talebani in merito alle movimentazioni americane.

Australia: cosa ha detto Scott Morrison?

Il primo ministro dell’Australia ha così deciso di chiudere i battenti della propria ambasciata a Kabul. Le crescenti paure per le recenti escalation nel paese, alle quali si aggiunge il pur sempre rilevante allarme terrorismo, ha costretto la diplomazia australiana ad abbandonare il paese. Ma non è un addio, lo ha specificato il premier affermando che una volta che ci saranno le condizioni l’ambasciata tornerà operativa. “La sede diplomatica chiuderà alla luce dell’imminente ritiro militare internazionale dall’Afghanistan. Riaprirà quando le circostanze lo permetteranno“. Il premier ha continuato dicendo che “l’Australia si aspetta che questa misura sia temporanea e riprenderemo una presenza permanente a Kabul quando le circostanze lo permetteranno“.

Australia resta vicina all’Afghanistan

La scelta di ufficiale di abbandonare il paese non compromette i rapporti diplomatici tra i due stati. Morrison ha voluto così specificare che le relazioni bilaterali tra Australia e Afghanistan rimangono vive. “L‘Australia resta impegnata nelle relazioni bilaterali con l’Afghanistan e continueremo a sostenere la stabilità e lo sviluppo dell’Afghanistan di concerto con altre nazioni“, ha specificato il primo ministro.


L’Australia fa sul serio: carcere per chi torna dall’India

Australia: i Verdi criticano il premier Morrison per la questione climatica