San Paolo a Pisa: restaurata la cappella di Sant’Agata

I lavori hanno riguardato la struttura e l'area verde per rendere lo spazio fruibile dalla comunità

0
290

Conclusi i restauri della cappella di Sant’Agata nei pressi nella chiesa di San Paolo a Pisa. L’Amministrazione investe nel recupero degli edifici storici per inserire alcuni luoghi di interesse medievali negli itinerari turistici. Già ottenuto anche il finanziamento per la manutenzione di Sant’Antonio di Qualquonia.


Torre pendente di Pisa: il 15 dicembre 2001 la riapertura


Quali interventi ha richiesto il restauro della cappella di Sant’Agata accanto alla chiesa di San Paolo a Pisa?

La Fondazione di Pisa ha finanziato l’intervento al 75%: l’opera aveva un costo complessivo di 348mila €. L’Istituzione ha subito accolto la richiesta del Comune di Pisa di recuperare la cappella che verteva in stato di abbandono. Il progetto di recupero ha riguardato le parti murarie e la copertura, oltre gli infissi e il pavimento interno. La riqualificazione ha riguardato anche l’area verde attorno al sacello con un impianto di illuminazione e un cancello che sarà posizionato prossimamente. Il lavoro ha interessato anche il percorso di accesso che riprende il sedime antico, in ghiaia marcato dall’erba.

La cappella di Sant’Agata

L’edificio cultuale è databile al 1063 e si inserisce nel contesto della chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno. Tuttavia la prima attestazione documentaria della cappella è del 1132. La struttura era quindi in relazione all’edificio di culto con annesso monastero che tra 1090 e 1092 passa ai monaci vallombrosani. Il sacello si trova nei pressi dell’abside. Nei bombardamenti della seconda guerra mondiale le strutture sono andate distrutte.

Uno spazio per la comunità

La prima apertura della cappella è in programma il 5 febbraio, proprio nel giorno di Sant’Agata. Per l’occasione l’edificio di culto sarà visitabile. Nel frattempo l’Amministrazione pisana ha ottenuto un contributo di 900mila € per la rigenerazione urbana. L’edificio che richiede manutenzione è la chiesa di Sant’Antonio in Qualquonia per rendendo frequentato con iniziative culturali.