Regno Unito: luce in fondo al tunnel della crisi

0
370

Dopo il lungo blocco causato dalla pandemia da Covid-19 l’Inghilterra torna ora a tirare un sospiro di sollievo. Con la graduale riapertura delle attività pare che l’economia si stia rialzando. Con i contagi sotto controllo il Regno Unito inizia ora a vedere una luce di speranza e libertà in fondo al tunnel della crisi

Regno Unito: contagi sotto controllo?

Il numero di nuove infezioni da coronavirus confermate al giorno ha continuato a diminuire nell’ultimo mese. Con un graduale allentamento delle restrizioni questa primavera, la media di sette giorni per il numero di morti entro 28 giorni da un test Covid-19 positivo è diminuita notevolmente, da quasi 1.300 all’inizio di gennaio a 17 il 27 aprile. Quasi 34 milioni di persone hanno ricevuto una prima iniezione di un vaccino Covid-19 . Quasi 13 milioni hanno avuto un secondo. L’unico ostacolo ora risiede nella situazione in India che potrebbe aggravare la situazione in tutto il mondo. Anche il numero di viaggi effettuati sulle strade e sui trasporti pubblici del Regno Unito è aumentato nell’ultimo mese.

L’economia nel Regno Unito si riprende dopo la crisi

L’inflazione nel Regno Unito è aumentata a marzo , spinta dall’aumento del costo della benzina e dell’abbigliamento. Un segnale che i prezzi si stanno muovendo verso una traiettoria al rialzo mentre l’economia si riprende. Gli economisti prevedono che l’inflazione aumenterà ulteriormente dopo il blocco in mezzo a un’esplosione di domanda repressa di beni e servizi. Tuttavia, in segno di continua pressione sull’economia, l’inflazione rimane al di sotto del tasso obiettivo del 2% della Banca d’Inghilterra. La parziale riapertura dell’economia britannica ha portato inoltre alla più rapida crescita del settore privato. Con l’allentamento delle misure di blocco, l’attività commerciale è aumentata notevolmente grazie alla domanda repressa di beni e servizi

Boris Johnson: numero online e privacy a rischio

Cala la disoccupazione ma milioni restano licenziati

La disoccupazione nel Regno Unito è diminuita per un secondo mese a febbraio nonostante il blocco del Covid-19, poiché i datori di lavoro hanno intensificato i preparativi per l’allentamento delle restrizioni. I dati ufficiali hanno mostrato una forte crescita degli annunci di lavoro online, risalendo ai livelli pre-pandemici. Tuttavia, quasi 5 milioni di persone sono rimaste congedate. Si prevede che la perdita di posti di lavoro aumenterà una volta che il programma sarà reso meno generoso a luglio e chiuso completamente a settembre.

Torna la vita nelle strade principali

Il numero di visitatori nelle strade principali e nei centri commerciali è aumentato notevolmente in Inghilterra e Galles dopo la riapertura di negozi non essenziali e luoghi di ospitalità. Secondo Springboard, nella settimana fino al 17 aprile 2021, l’affluenza complessiva al dettaglio nel Regno Unito è aumentata raggiungendo il 75% del livello osservato nella settimana equivalente del 2019. I maggiori guadagni si sono avuti in città come Portsmouth, Manchester, Leeds, Liverpool e Birmingham. Inoltre i parchi commerciali con più spazio esterno per l’allontanamento sociale hanno registrato le prestazioni più forti.

Primo weekend in “libertà” per molti italiani