giovedì, Febbraio 29, 2024

Ramaswamy perdonerà Trump se eletto nel 2024

Il candidato presidenziale repubblicano e imprenditore Vivek Ramaswamy ha affermato che perdonerà l’ex presidente Donald Trump se eletto nel 2024. Ma chi è Vivek Ramaswamy?

Ramaswamy perdonerà Trump se eletto presidente

Il candidato presidenziale repubblicano e imprenditore Vivek Ramaswamy si è impegnato a perdonare l’ex presidente Donald Trump nel caso venisse eletto nel 2024. “Sarebbe molto più facile per me vincere queste elezioni se Trump non fosse in corsa, ma difendo i principi piuttosto che la politica”, ha affermato Ramaswamy “Mi impegno a perdonare Trump prontamente il 20 gennaio 2025 e a ripristinare lo stato di diritto nel nostro Paese”, ha aggiunto.

In una lunga dichiarazione, Ramaswamy ha affermato che ci sono “due livelli di giustizia” in gioco e ha fatto eco ai compagni repubblicani nell’accusare il presidente Biden di aver ordinato al Dipartimento di Giustizia di inseguire il suo rivale politico. “Non avrei mai pensato che avremmo visto il giorno in cui il presidente degli Stati Uniti incaricherà il DOJ di arrestare il suo principale rivale nel bel mezzo di un’elezione. Questo è un affronto per ogni cittadino: non possiamo trasformarci in una repubblica delle banane dove il partito al potere usa la forza di polizia per arrestare i suoi oppositori politici. È ipocrita che il DOJ persegua selettivamente Trump ma non Biden“, ha detto Ramaswamy.

Chi è Vivek Ramaswamy?

Vivek Ramaswamy è un imprenditore di origine indiana e autore di due saggi contro il politically correct, tra cui “Nazioni di vittime: politiche di identità, morte del merito e il cammino di ritorno verso l’eccellenza”. È uno dei più forti critici della wokeness, tanto da definirsi il CEO anti-Woke, e di quello che lui definisce “la chiesa di Davos”. Ramaswamy vuole riportare il capitalismo americano all’antico splendore. Tra le priorità del programma elettorale di Ramaswamy ci sono “sganciarsi completamente dalla Cina e ripensare la politica di immigrazione degli USA basandosi sul merito”.

L’imprenditore vorrebbe, come presidente, cancellare l’affirmative action (la politica che favorisce le minoranze nelle selezioni accademiche e lavorative) a colpi di ordini esecutivi e licenziare metà della forza lavoro federale. Ha chiesto di chiudere l’FBI e l’IRS, l’istituto che si occupa dei controlli fiscali, così come il Dipartimento dell’Istruzione. Inoltre, vuole alzare l’età degli aventi diritto al voto a 25 anni. “Gli arruolati, chi lavora nel primo soccorso e le persone che superano un test di educazione civica potrebbero votare a 18 anni”, ha affermato. “Possiamo portare l’agenda America First anche oltre Trump perché lo faremo da un fondamento morale”, ha detto Ramaswamy. “L’ex presidente avuto la possibilità di fare molte cose, ma molte altre sono rimaste incompiute”, ha aggiunto.


Leggi anche: Trump dovrà affrontare 37 capi d’accusa

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles