Radicepura Garden Festival: quando la natura è futuro

Giardini per il futuro è il tema della terza edizione della biennale dedicata al Garden Design

0
357
Radicepura Garden Festival
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il 27 di giugno si apriranno le porte del Radicepura Garden Festival. Porte che resteranno aperte fino al 19 dicembre 2021. Un’occasione imperdibile per i visitatori di questo evento biennale. La location è a Giarre (CT), in Sicilia. il Radicepura Garden Festival è alla sua terza edizione. Il respiro di questo Festival è internazionale. L’evento vede al centro dell’attenzione i paesaggi tipici del Mediterraneo. Pertanto si potrà visitare un orto botanico con 15 giardini e 4 allestimenti. Le piante utilizzate sono concesse del vivaio Faro. L’evento come sempre è gestito dalla Fondazione Radicepura. Tra i protagonisti del Festival ci saranno rappresentanti del mondo dell’architettura, designer, paesaggisti, artisti e studiosi del settore. Inoltre, al Festival non mancherà la presenza delle istituzioni e delle imprese che ruotano attorno al mondo del green garden.

Radicepura Garden Festival: i giardini salveranno il mondo?

Il rapporto uomo-ambiente è il tema fondamentale nella terza edizione di Radicepura Garden Festival. Nell’anno in cui si celebra la Salute delle Piante voluto dalla FAO, l’ambiente e la natura sono al centro dell’attenzione. Dalle piante e dalla loro salute può dipendere la vita dell’uomo su questo pianeta. Dunque, più giardini e meno cemento. Questo è l’impegno, come, anche, prendere atto che le piante potranno salvare dalla fame e dalla povertà. Uno sviluppo sostenibile, dove l’ambiente cattura l’attenzione. Poichè bisogna essere consapevoli che i giardini possono essere una risorsa. Quindi, proteggere i sistemi naturali che sono l’energia del pianeta e ridurre l’emissione di scarti.

Il Festival

Al Radicepura Garden Festival di Giarre, parteciperanno i 7 vincitori della Calls for Ideas, promossa da Radicepura e conclusa a dicembre 2020. Questa manifestazione ha visto partecipanti da 24 paesi diversi e quasi 500 iscrizioni. La giuria del Festival sarà presieduta dalla madrina, Sarah Eberle. Gli altri componenti la giuria sono:

  • Antonio Perazzi direttore artistico della manifestazione.
  • Daniela Romano, docente di Orticultura e Floricultura presso l’Università di Catania;
  • Alessandro Villari, docente di Architettura del paesaggio presso l’Università Mediterranea;
  • Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, collezionista d’arte e presidente della Fondazione omonima.

I finalisti della Calls for Ideas che parteciperanno al Radicepura Garden Festival provengono da Italia, Francia, Sudafrica, Spagna e Svizzera.


Amaoto No Yurai: il suono della pioggia è musica


La Fondazione Radicepura

La Fondazione Radicepura con questo Garden Festival celebra il giardino nella sua valenza estetico-culturale. Infatti, la Fondazione presieduta da Mario Faro sostiene un programma culturale e di attività che valorizza il ruolo sociale dei giardini. Il progetto che vede coinvolto l’uomo e l’ambiente è al centro dell’interesse della manifestazione. Dunque, in linea con l’agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Secondo Mario Faro: “Il giardino è il futuro. Pensare a come progettarlo è il focus della Biennale, per offrire il nostro contributo all’attuale dibattito internazionale. Mettere il giardino e il paesaggio al centro delle future pianificazioni è già la vera sfida per il futuro.”. Per tutte le informazioni sui programmi e gli orari della manifestazione clicca qui.