venerdì, Maggio 24, 2024

Pescherecci cinesi nelle acque filippine: sale la tensione tra Manila e Pechino

Uno scontro iniziato a marzo e destinato a creare un nuovo terremoto geopolitco, tra due nazioni fortemente identitarie. Filippine e Cina sono in lotta continua per la reciproca rivendicazione di una parte del Mar Cinese Meridionale. Località che per entrambe ha un valore commerciale a dir poco elevato perchè ricca di risorse. Manila ha accusato Pechino dell’intereferenza di numerosi pescherecci cinesi (circa 220) nelle acque della Zona Economica Esclusiva. Pechino ha risposto alle accuse, condotte dal ministro degli esteri Teodoro Locsin, affermando che si sta creando un clamore irragionevole e di essere sovrana in quelle acque.

Cina-Filippine: cosa sta succedendo?

Come è facile da evidenziare, in atto c’è uno scontro tra due forze di diversa caratura. Tra la Cina, dominatrice incontrastata dell’area, e le Filippine, agguerrite ma non potenti come il Dragone. Nonostante questo la diplomazia di Manila sta avviando una serie di iniziative volte a “cacciare via” la presenza di Pechino, in quelle acque tanto importanti, dove passano circa 3,4 trilioni di dollari di scambi annuali. Ma non sarà affatto semplice vista la presenza cinese che dura almeno dal 1943. Negli anni poi la presenza di Pechino ha permesso la costruzione di diverse isole artificiali, ovvero delle postazioni militari, che per molti paesi, tra cui le Filippine, sono considerate una minaccia. Accanto alle Filippine anche Taiwan, Brunei, Malesia e Viet Nam accusano la Cina, rivendicando una loro porzione del Mar Cinese Meriodionale. Si capisce dunque che qui lo scontro non coinvolge solo Filippine e Cina, ma un’intera area pronta a rispondere in caso di attacco.

Gli Usa sostengono le Filippine

Nelle acque rivendicate dalle Filippine sembra certa anche la presenza degli Stati Uniti, che a livello diplomatico vantano rapporti ormai storici con Manila. In quel tratto di mare tanto conteso circolano infatti navi da guerra americane che si sono congiunte con quelle filippine in un’esercitazione militare comune, chiamata Balikatan, ideata proprio per contrastare la pressione cinese nelle acque del Mar Cinese Meridionale.


La Cina punta ad una economia sempre più verde

Tencent: il monopolio che la Cina non tollera

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles