Misure anti-assembramento: la creatività di Raggi “sul campo”

Il Campidoglio ha previsto soprattutto nel fine settimana, una serie di "misure antiassembramento". Saranno d'ausilio droni, ed elicotteri.

0
677

Il rischio di assembramenti, soprattutto nel fine settimana, è oggettivo, ma è altrettanto oggettivamente infelice la definizione di “misure antiassembramento”. Quel che è francamente insopportabile è il sottinteso del dpcm che rimanda la palla al destinatario e dice ai cittadini, vediamo se fate i bravi. E ciò che è più inquietante è l’azione che si esplica per il pronto intervento anti assembramento. Di converso, a onor del vero, vi è una certa ritrosia al rispetto di regole semplici. Soprattutto da parte dei giovanissimi. Essi hanno la tendenza a non prendere consapevolezza del pericolo. A sentirsi immuni e onnipotenti.

Misure antiassembramento: quali strategie?

L’improvviso cambiamento dello stile di vita è molto difficile da accettare. Del resto modificarlo è uno dei compiti più difficili per le persone. Anche quando il cambiamento può essere spalmato su un più lungo periodo. E con gradualità. Rinunciare alle proprie abitudini e a ciò che è sentito come un diritto può scatenare una sorta di ribellione. La prova è ciò che avviene durante il weekend. Per Roma, il Campidoglio ha previsto una serie di strategie per monitorare gli assembramenti. Con particolare attenzione al rispetto delle prescrizioni relative all’utilizzo di mascherine e al distanziamento sociale. A tal uopo sono previsti controlli nei parchi, e alla metro. Come pure sulle spiagge del litorale e in centro. Telecamere, droni, elicotteri saranno d’ausilio al monitoraggio, in caso di superamento della soglia di concentrazione di persone.

Cosa prevedono le restrizioni

Il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto di Roma ha sottolineato la necessità di aumentare i servizi di controllo anticontagio. Soprattutto nelle zone che, nelle sere dei fine settimana, sono interessate dal fenomeno della movida. Alle operazioni di controllo parteciperà Paolo Ferrara Consigliere del M5s. Insignito dalla sindaca Raggi a suo delegato alla polizia locale della Città metropolitana. Inoltre parteciperanno carabinieri, polizia, e guardia di finanza. La capitaneria di porto per le spiagge del litorale. Mentre la Protezione civile comunale per le aree centrali della Capitale.