martedì, Giugno 25, 2024

Match per il titolo italiano pesi inutili: Boralevi-Raggi

Il match per il titolo italiano dei pesi inutili trasmesso da La7 tra la Boralevi e la Raggi è l’ennesima rappresentazione di quanta differenziata bisogna ancora fare. Uno scontro televisivo su una politica pseudosociale da far rabbrividire la politica stessa.

Un match per il titolo italiano inutile per pesi inutili?

Ma ovviamente si, tra concetti inutili come una ventenne per un ottantenne e appunti ovvi come la prostata per l’ottantenne precedente, le due si beccano come galline. La scribacchina affonda pensando di esser furba, attaccando lo pseudosindaco riguardo la sua scelta di ricandidarsi. “Lei ha parlato di asili nido e di bilanci Ama, ma va in giro per Roma? Vede i cinghiali e la spazzatura? Dove sono andati a finire i 40,9 miliardi dati dall’Europa a Roma Capitale?”. Forse la pseudoscrittrice Boralevi non si rende conto che questa domanda la poteva fare anche Sandrino del bar sotto casa mia. Se vuole attaccare la Raggi deve fare di più. Deve capire che la Raggi non vede ne cinghiali e ne spazzatura, per lei sono un’operazione ecologica ben riuscita, roba da transizione ecologica 3.0. Ovviamente la Sindaca, in questo inutile match per il titolo italiano per pesi inutili, si limita a sogghignare e a sussurrare: “Miliardi? Magari”. Mariaaaaaaa che difesa esemplare, da vera grillina.

Ma come te la incalza la Boralevi con un allungo orchitico in mezzo al ring?

Ma io mi chiedo: cosa vede lei? Uno psicanalista le direbbe che forse deve cambiare il colore delle lenti attraverso cui guarda il mondo“. Chiccoooooo! Mentanaaaaaaa! Fai qualcosa per risollevare la situazione di questo canale? L’unica cosa rimasta degna sei tu che ti dimentichi le cose (come me del resto) e i collegamenti che saltano. Insomma un vero scontro degno di una versione vestaglia di Lilly Gruber che dice: “Ragazze non litigate per favore mi stavo liftando il viso“.


Sindaca Virginia Raggi: ci riprova e si ricandida a Roma


Ma il secondo round è della Raggi?

Raggi replica: “Abbiamo iniziato a spendere i fondi europei, che prima venivano restituiti. Abbiamo iniziato a fare lavori sulle strade, che non si vedevano da 40 anni, (ma nessuno li vede, Roma è piena di buche) Abbiamo portato l’acqua in un quartiere capitolino, a 30 km da Roma, per 4mila persone che non l’hanno mai avuta”. Appunto! Acqua per 4mila persone mentre tutti gli altri problemi della capitale sono a bagnomaria. Occuparsi dell’acqua per 4mila persone non è un record, ma una cosa normale, il problema è il disastro del resto di Roma. Match per il titolo italiano pesi inutili: inutile e fatto da due comparse.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles