Sindaca Virginia Raggi: ci riprova e si ricandida a Roma

0
423
Sindaca Virginia Raggi

La sindaca Virginia Raggi ci riprova. E sarà in corsa alle prossime amministrative di Roma. “Io mi rivolgo a tutti con un progetto trasparente”. Credo che esista una grande area di cittadini stanchi di essere etichettati politicamente. E tra questi ci sono anche tanti che hanno votato Marino”. Ha sottolineato la Raggi, in un suo intervento.

Sindaca Virginia Raggi: che fa ci riprova?

Avete letto bene. Nessun errore di battitura. La sindaca Virginia Raggi si ricandida alle prossime comunali. Lei, una giovane nata vecchia, che non resiste all’ebrezza del potere, è arrivata a governare Roma sull’onda di uno dei più clamorosi voti di protesta che si siano mai visti in Italia. Ma di certo le brutte figure, gli sbugiardamenti, e la palese inadeguatezza di questi anni, non depongono a favore delle capacità di critica dell’elettorato. Difatti la responsabilità di guidare la capitale del Paese assunta a simbolo di tutti i mali italiani, si è rivelata un imbarazzante cul de sac. Nel quale sono naufragati in modo drammatico sogni e glorie dei romani.


Leggi anche – David Sassoli: Green Pass UE pronto entro giugno


La dichiarazione di Raggi

Roma, ha bisogno di progetti di lungo respiro. Penso che la Capitale abbia bisogno di un sindaco che pensi al bene comune. Per questo proporrò ai candidati di sottoscrivere un impegno comune a candidare Roma per Expo2030. Un progetto per l’Italia. Tutti insieme per rilanciare la città. Io mi impegno a fare una campagna elettorale corretta. Spero che valga per tutti gli altri. Io mi rivolgo a tutti con un progetto trasparente“. Ha spiegato la sindaca Virginia Raggi. Ebbene, vorrei ricordare una delle promesse non mantenute della precedente campagna elettorale. Quella sulla candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024. “Se dovessi diventare sindaco, sarò io stessa a indire un referendum consultivo“. Dichiarava la sindaca.

Ma fare l’elenco delle promesse elettorali totalmente disattese, di Virginia Raggi, è un esercizio ozioso. Tra la “congiura dei frigoriferi”, roba che il buon Giulio Cesare ancora sta ridendo dall’aldilà, la mancanza del controllo del territorio anche dal punto di vista igienico, e la totale inefficienza dei municipi quasi tutti governati dal M5s, è il bilancio di questi anni di attività, da parte della squinternata squadra della giunta Raggi.

Commenti