Le forze russe risponderanno a tutti gli attacchi a Idlib

0
666
forze russe

Il comando delle forze russe in Siria si riserva il diritto di reagire. In risposta per garantire una difesa, se i militanti sferrano attacchi contro i russi, le truppe siriane e i civili. Le Forze Armate Russe ingaggeranno il nemico, ha detto giovedì Alexander Shcherbitsky. Attualmente capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti avverse in Siria.

Le forze russe risponderanno ad ogni attacco

I terroristi aprono il fuoco sulle forze del governo siriano e tentano di attaccare la base aerea russa Hmeymim. Il capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti avverse in Siria Alexander Shcherbitsky, ha anche detto che ci sarà una dura risposta.

I terroristi aprono il fuoco sulle forze governative siriane utilizzando veicoli aerei senza equipaggio e lanciarazzi multipli a lungo raggio.

“In conformità con gli accordi, ci riserviamo il diritto di vendicarci dei militanti di gruppi terroristici. Le loro azioni potrebbero mettere a repentaglio la vita dei membri del servizio russo e siriano. Ma anche insieme alla popolazione civile nelle aree adiacenti alla zona di de-escalation”, ha detto Shcherbitsky.

Secondo Shcherbitsky, il comando delle forze russe in Siria e delle forze armate siriane è costretto ad agire per neutralizzare la minaccia terroristica.


Agguato dinamitardo ai soldati Russi e Turchi in Siria


Il compito delle forze russe

Il centro di riconciliazione russo continua a svolgere i compiti assegnati dopo il completamento della campagna militare in Siria. Gli ufficiali del centro viaggiano regolarmente nelle aree liberate del Paese per valutare la situazione umanitaria. I principali sforzi dell’esercito russo sono ora concentrati sull’assistenza ai rifugiati che ritornano alle loro case e sull’evacuazione dei civili dalle zone di de-escalation.

Incapacità della parte turca di allestire un corridoio di sicurezza


Una situazione di tensione si osserva a sud della zona di cuscinetto a Idlib. Causa dell’incapacità della parte turca di allestire un corridoio di sicurezza. Per tanto impossibile attuare una regolare missione di pattugliamento russo-turca, ha detto giovedì Alexander Shcherbitsky, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti avverse in Siria.

“Le tensioni stanno aumentando a sud della zona cuscinetto a Idlib. Il comando turco sta prendendo alcuni provvedimenti per distruggere le bande lungo l’autostrada M4. Tuttavia, la parte turca non è stata in grado di allestire un corridoio di sicurezza. Di conseguenza, una regolare missione di pattugliamento russo-turca è costantemente rimandata”, ha detto Shcherbitsky.

L’esercito turco deve attuare il memorandum russo-turco del 6 marzo 2020

Ha sottolineato che l’esercito russo si aspetta che la Turchia intensifichi le misure volte a distruggere i terroristi. Devono garantire la sicurezza delle pattuglie congiunte e ad attuare il memorandum russo-turco del 6 marzo 2020.

Il centro di riconciliazione russo continua a svolgere i compiti assegnati dopo il completamento della campagna militare in Siria. Gli ufficiali del centro viaggiano regolarmente nelle aree liberate del Paese per valutare la situazione umanitaria. I principali sforzi dell’esercito russo sono ora concentrati sull’assistenza ai rifugiati che ritornano alle loro case e sull’evacuazione dei civili dalle zone di de-escalation.

Commenti