Israele, Salvini: “Silenzio assordante da parte delle istituzioni europee”

0
320
Israele Salvini

Israele, Salvini: “Silenzio assordante da parte delle istituzioni europee“. Il leader di Lega commenta con queste parole, cariche di rimprovero, i fatti che hanno tristemente coinvolto Israele. Ieri, 11 maggio, Israele si è risvegliata sotto una pioggia di missili. L’agghiacciante suono delle sirene che scuote la popolazione a Tel Aviv, è guerra, ancora. Il mittente è Hamas, che non tarda a rivendicare l’attacco. Oltre 1050 razzi e colpi di mortaio da Gaza su Israele: l’obbiettivo principale è l’aeroporto, ma la devastazione si ripercuote ovunque nelle vicinanze di Tel Aviv. La gente è costretta a fuggire, a mettersi in salvo da questa distruzione in atto. Case abbandonate, scuole chiuse, traffico ferroviario interrotto e morti, tanti, troppi, per le strade.

Israele, Salvini tuona condannando la violenza islamista

Una serie di attacchi che danno seguito ad una lotta senza esclusione di colpi. Una carneficina che non accenna a declinare, le vittime ed i feriti aumentano su entrambi i fronti. Così, la guerra mai sopita tra Israele e Hamas, si riaccende. Una violenza inaudita che non tiene conto del valore della vita umana. Tra le vittime, anche tanti bambini innocenti. Difronte ad un simile scempio, interviene un Matteo Salvini indignato e sgomento. “Più di 1.000 missili contro Israele, silenzio assordante da parte delle istituzioni europee, dell’Onu e di troppi governi sulla violenza islamista. A proposito, aspetto una ferma condanna di questa aggressione anche da parte del governo italiano. Lunga vita a Israele, viva la pace e la convivenza fra i popoli”.

Salvini prosegue, aggiungendo alla sua dichiarazione una, ben poco celata, frecciatina ai partiti rivali: “per la mia vicinanza al popolo israeliano e la mia condanna della violenza islamista, mi sono arrivate oltre 100 minacce di morte da ieri. Solidarietà da sinistra? Zero. Non mi preoccupano i violenti, mi preoccupano quelli che non li condannano“.

Le minacce a Salvini e la solidarietà della Comunità Ebraica

Salvini finisce però sotto attacco per le dichiarazioni a favore di Israele. Da sempre uno tra i bersagli più apprezzati dai cosiddetti haters, Salvini è nuovamente al centro di una bufera. L’aperta condanna alla violenza di cui è responsabile Hamas, costa a Salvini una fitta serie di minacce indirizzate a lui ed alla sua famiglia, anche di morte. Messaggi carichi di odio che l’ex ministro degli Interni ha reso pubblici sui suoi profili social. Dal mondo politico, alcun moto di solidarietà. A farlo è invece Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica di Roma, che difende Salvini condannando quanto gli tocca subire. Queste le sue parole: “difendere Israele e sostenerne le ragioni significa anche essere costretti a subire insulti e intimidazioni. Non si può essere contro la violenza e tacere di fronte a queste manifestazioni di odio“.

Pieno sostegno anche dal governatore del Veneto, Luca Zaia, il quale dichiara: “Tira brutta aria per la democrazia nel nostro Paese. Qualsiasi opinione esprima chiunque merita rispetto e poi può essere anche aspramente criticata. Ma qui si sta sempre più frequentemente uscendo dal seminato“.