Facebook blocca l’Australia dalla visione delle notizie

0
189

Facebook blocca l’Australia dalla condivisione o dalla visualizzazione delle notizie sulla piattaforma, causando molto allarme sull’accesso pubblico alle informazioni chiave. Facebook dopo aver minacciato l’Australia pochi mesi fa, decide di agire. Gli australiani giovedì si sono svegliati per scoprire che le pagine Facebook di tutti i siti di notizie locali e globali non erano disponibili. Diverse pagine governative di salute e di emergenza sono state bloccate – qualcosa che Facebook ha poi affermato essere un errore. Il governo australiano ha fortemente criticato la mossa, dicendo che ha dimostrato “l’immenso potere di mercato di questi giganti sociali digitali“. Il tesoriere Josh Frydenberg ha detto che il divieto di informazioni sulle notizie ha avuto un “enorme impatto sulla comunità”. Circa 17 milioni di australiani visitano il sito di social media ogni mese.

Perché Facebook blocca l’Australia ?

Si tratta di una risposta alla proposta di legge che obbligherebbe i giganti tecnologici a pagare per i contenuti delle notizie sulle loro piattaforme. Le autorità australiane hanno elaborato le leggi per “livellare il campo di gioco” tra i giganti tecnologici e gli editori in difficoltà sui profitti. Facebook ha detto che la legge lo ha lasciato “di fronte a una scelta cruda: tentare di conformarsi a una legge che ignora le realtà di questo rapporto, o smettere di trasmettere contenuti di notizie sui nostri servizi in Australia”. “Con il cuore pesante, stiamo scegliendo la seconda”, ha detto in un post sul blog. La legge ha cercato “di penalizzare Facebook per contenuti che non ha preso o chiesto”, ha detto l’amministratore delegato locale della società William Easton. Facebook ha detto che ha aiutato gli editori australiani a guadagnare circa A$407m (£228m;$316m) l’anno scorso attraverso i referral, ma per sé “il guadagno della piattaforma dalle notizie è minimo”. Sotto il divieto, gli editori australiani sono anche limitati dalla condivisione o dalla pubblicazione di qualsiasi link sulle loro pagine di Facebook.

Come hanno risposto gli australiani?

Il divieto ha scatenato una reazione immediata, con molti australiani arrabbiati per la loro improvvisa perdita di accesso a fonti affidabili e autorevoli. Molti hanno sottolineato che Facebook era un modo cruciale con cui la gente riceveva gli aggiornamenti di emergenza sulla pandemia e sulle situazioni di disastro nazionale. Altri hanno sollevato preoccupazioni per la disinformazione che ora circola liberamente sul sito. Il direttore di Human Rights Watch in Australia ha detto che Facebook stava censurando il flusso di informazioni nel paese – chiamandolo “una pericolosa svolta degli eventi”.

Cosa risponde il governo Australiano?

Il governo conservatore dell’Australia sta sostenendo la legge – che è passata alla camera bassa del parlamento mercoledì. Ha un ampio sostegno trasversale e sarà discussa di nuovo in parlamento giovedì. “Legifereremo questo codice. Vogliamo che i giganti digitali paghino i media tradizionali per generare contenuti giornalistici originali”, ha detto il tesoriere Josh Frydenberg che ha aggiunto “gli occhi del mondo stanno guardando quello che sta succedendo qui”. Ha detto di aver partecipato anche ad una discussione con l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg che è stata “costruttiva”. Ma ha sottolineato che Facebook, come Google, ha negoziato accordi salariali con le organizzazioni locali. Questa azione di divieto è “arrivata all’ultimo momento” e ha danneggiato la reputazione del sito, ha detto. “Quello che stanno effettivamente dicendo agli australiani è: “Non troverete sulla nostra piattaforma contenuti che provengono da un’organizzazione che impiega giornalisti professionisti, che ha politiche editoriali, che ha processi di fact-checking”.

Commenti