martedì, Aprile 16, 2024

Elezioni Thailandia: cosa succederà ora?

Le elezioni in Thailandia si sono concluse con la vittoria dei partiti di opposizione e ora molti si chiedono cosa succederà. Gli analisti affermano che se l’opposizione non riuscirà a formare un governo c’è il rischio che venga messo in atto un nuovo colpo di Stato.

Cosa succederà dopo le elezioni in Thailandia?

Le elezioni in Thailandia si sono concluse con la vittoria dei partiti di opposizione, ponendo di fatto alla fine del dominio militare. Pita Limjaroenrat, leader del partito di opposizione Phak Kao Klai, ha promesso ai suoi sostenitori che il prossimo ministro della Thailandia sarà lui. Limjaroenrat ha anche promesso che “tutti insieme cambieremo il Paese”. Tuttavia, nonostante l’euforia dei thailandesi, gli analisti di dicono preoccupati, sostenendo che sono in vista tempi duri per la Thailandia. Gli analisti prevedono un processo lungo ed estenuante per la formazione del nuovo governo che potrebbe finire in una situazione di stallo. Affermano inoltre di temere che ciò possa innescare una nuova instabilità in un paese che ha visto molteplici colpi di stato seguiti da ondate di proteste, aprendo potenzialmente la strada a un nuovo intervento dell’esercito. “Se Phak Kao Klai non può formare un governo, dobbiamo preoccuparci dello scioglimento del partito e persino di un colpo di stato militare”, ha affermato Punchada Sirivunnabood, professore associato di scienze sociali e umanistiche presso l’Università Mahidol di Bangkok. “La Thailandia dovrà affrontare tempi difficili. La mia speranza è che il processo di formazione del governo vada liscio e che non ci siano più conflitti”, ha aggiunto.

Per Phak Kao Klai non sarà facile formare un governo

Nonostante l’ottimo risultato per Phak Kao Klai, gli analisti affermano che il partito dovrà affrontare una dura battaglia per il Palazzo del Governo di Bangkok. Questo perché ogni candidato vincente avrà bisogno di 376 voti tra la Camera dei rappresentanti e il Senato per diventare primo ministro. Inoltre, secondo la Costituzione approvata nel 2017, i leader militari potranno nominare i 250 membri del Senato, che sceglieranno il prossimo primo ministro insieme ai 500 deputati.  Già diversi senatori hanno affermato che non sosterranno una coalizione guidata da Phak Kao Klai.  Al momento Phak Kao Klai sembra destinato a ottenere al massimo 310 voti. Il problema maggiore per alcuni senatori per sostenere il partito di Limjaroenrat e che quest’ultimo ha promesso di riformare le legge relative alla monarchia. I piani includono la modifica della rigida legge thailandese sulla lesa maestà, nota come articolo 112, che punisce gli insulti alla monarchia con un massimo di 15 anni di carcere. Phak Kao Klai ha accusato l’attuale coalizione di governo di utilizzare la legge per soffocare il dissenso, osservando che almeno 242 membri di un del movimento di protesta guidato dai giovani che ha sostenuto il partito nelle elezioni sono attualmente accusati.

Una soluzione alternativa

Gli analisti affermano che qualora Phak Kao Klai non riuscisse formare un governo potrebbe subentrare il partito Pheu Thai, che è arrivato secondo alle elezioni. “Pheu Thai non è come il Phak Kao Klai. Ha altre opzioni. E una di queste opzioni sarebbe quella di formare una coalizione con altri partiti, incluso il Palang Pacharat, guidato dall’ex generale Prawit Wongsuwan”, ha detto un analista. Gli analisti hanno fatto notare che Pheu Thai non ha idee così radicali sulla monarchia. Hanno poi detto che una coalizione tra Pheu Thai e i partiti pro esercito non raggiungerebbero comunque i 376 voto necessari. Tuttavia, potrebbero essere in grado di ottenere il sostegno del Senato, perché il generale Prawit sarebbe probabilmente in grado di influenzare un certo numero di senatori perché ha avuto un ruolo nella loro nomina.


Leggi anche: Elezioni Thailandia: opposizione sconfigge i militari

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles