Elezioni Russia: Mosca accusa gli USA di interferenze

0
401
Gli USA accusano la Russia

Mosca ha accusato delle aziende tecnologiche con sede negli USA di portare avanti una serie di interferenze nelle imminenti elezioni parlamentari in Russia. Venerdì l’ambasciatore USA Sullivan ha incontrato il viceministro degli Esteri russo per discutere proprio di questa situazione. Già nei giorni scorsi la Russia aveva minacciato di multare Apple e Google poiché promuovevano sui propri app store l’app dell’oppositore Aleksej Navalny.

Elezioni Russia: perché Mosca accusa delle società USA di interferenze?

La Russia ha accusato delle aziende tecnologiche statunitensi di interferire nelle imminenti elezioni parlamentari. Il ministero degli Esteri russo ha fatto sapere che John Sullivan, l’ambasciatore americano, ha incontrato Sergej Ryabkov, viceministro degli Esteri. La discussione avrebbe riguardato appunto questa situazione. “A questo proposito è stato affermato che l’ingerenza negli affari interni del nostro Paese era assolutamente inaccettabile”, sostiene un comunicato del ministero moscovita.

Già nei giorni scorsi la Russia aveva minacciato di multare Apple e Google

Secondo la Russia, esistono “prove innegabili” per cui le aziende tecnologiche avrebbero violato le leggi russe. Mosca non ha fatto menzione di alcuna società in particolare. Tuttavia, già nei giorni scorsi Mosca aveva minacciato di multare Apple e Google per presunta “interferenza elettorale”. Questo è dovuto al fatto che queste hanno promosso sui propri store l’app dell’oppositore Aleksej Navalny. “Un comportamento così arrogante e selettivo e l’ignoranza dimostrativa delle ripetute richieste delle competenti agenzie russe sul contenuto designato come estremista è particolarmente inaccettabile”. È quanto afferma la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.


Leggi anche: App Navalny: Russia minaccia multe contro Apple e Google