Domus romane a Nîmes: la scoperta nel centro cittadino

Il centro storico della città francese restituisce testimonianze del periodo imperiale

0
176
Domus romane a Nîmes
I ritrovamenti nel centro cittadino

Tornano alla luce le tracce dell’impero romano nell’antica Namausus in Francia. Gli scavi in un cantiere edilizio hanno fatto emergere due domus romane a Nîmes.

Chi ha scoperto le domus romane a Nîmes?

Il ritrovamento è del gruppo Cogem che sta lavorando alla costruzione di appartamenti. Prima di avviare i lavori nel centro storico cittadino, l’impresa ha realizzato un saggio di controllo. Le strutture rinvenute hanno così confermato i risultati della campagna diagnostica dell’Istituto nazionale di ricerche di archeologia preventiva. Le testimonianze della città romana si trovano a cento metri dalla Maison carrée, simbolo del passato.


La Gallia: vecchie strade come cartina del futuro


Nîmes in epoca antica

La storia del borgo francese è collegata ai Volsci che edificarono l’abitato nei pressi di una sorgente. Secondo alcuni il nome deriva dal Dio celtico Nemausus, ma altri sostengono che si riferisca al figlio di Eracle. Infatti, Partenio da Nicea racconta che sia stato proprio la progenie dell’eroe a fondare la città. Già nel 3° e 2° secolo a.C. il villaggio aveva le mura e poi diventa una colonia latina con Antonio che si stanziò nel luogo con i suoi soldati. Durante la riorganizzazione della Gallia Narbonese, nel 27 d.C. diventa Colonia Augusta Nemausus. La posizione lungo la Via Domitia che porta alla Spagna ha contribuito allo sviluppo di Nîmes.

Lo scavo preventivo

Le domus hanno dimensioni più grandi di quelle che Inrap aveva immaginato. La rimozione della terra ha portato in superficie un salone di rappresentanza e tracce di intonaci dipinti. La decorazione rappresenta candelabri dipinti su pannellature rosse e nere. Inoltre, gli archeologi hanno trovato un pavimento in opus sectile, realizzato con diverse tipologie di marmo. La datazione delle abitazioni è del periodo imperiale, tra I e il II secolo d.C. Sono poi emerse anche le strutture di cantine e fondamenta murarie del XX secolo e soprattutto una sepoltura medievale.

Commenti