domenica, Maggio 19, 2024

Disintossicare il cervello dalle microplastiche e ridurre il rischio di Alzheimer

Le micro e le nanoplastiche (MNP) sono state studiate come problema ambientale per un po’ di tempo (circa 20 anni), ma i ricercatori stanno solo iniziando a comprendere veramente il loro vasto impatto sulla salute umana. Secondo una revisione narrativa del 2022 dell’International Journal of Environmental Research, si stima che le donne e gli uomini adulti consumino ogni anno circa 133.000 e 97.000 particelle di plastica, rispettivamente, solo dall’acqua. È emerso che l’ingestione di MNP costituisce una grave preoccupazione non solo per la salute dell’intestino e del sistema immunitario, ma anche per la salute del cervello. Nel 2022, i ricercatori hanno scoperto che le MNP hanno la capacità di infrangere la barriera emato-encefalica; un nuovo studio su animali pubblicato da Nanomaterials rivela come, esattamente, ciò possa avvenire.

Microplastiche e barriera emato-encefalica

La barriera emato-encefalica (BBB) è una parete protettiva che impedisce a tossine o agenti patogeni di entrare nel cervello. Tuttavia, se questi composti indesiderati sono abbastanza piccoli, possono superare la barriera e avere un impatto sulle funzioni neurologiche. È stato riscontrato che le MNP ingerite con la dieta (cioè attraverso cibo e acqua) possono attraversare la BBB. Nel corso del tempo, la presenza di queste particelle di plastica può aumentare l’infiammazione nel cervello e persino contribuire a patologie neurologiche, come l’Alzheimer e il Parkinson. Nello studio, i ricercatori hanno somministrato per via orale MNPs fatte di polistirene (una plastica alimentare usata per produrre contenitori da asporto in polistirolo e imballaggi per la carne) a topi attraverso una soluzione acquosa. Hanno scoperto che le particelle di plastica erano in grado di superare la BBB (grazie a una struttura superficiale chiamata corona biomolecolare) e di entrare nel cervello dei topi in sole due ore dall’ingestione.

Come disintossicarsi dalle microplastiche

In attesa di ulteriori ricerche che delineino le specifiche conseguenze sulla salute delle MNP nel cervello, gli scienziati suggeriscono di limitare il più possibile l’esposizione e l’utilizzo. Evitare la plastica monouso e gli imballaggi alimentari in plastica è un buon punto di partenza. Evitate anche altre tossine ambientali (ad esempio, metalli pesanti, prodotti chimici aggressivi, inquinanti, muffe, ecc.), poiché un aumento del carico tossico rende più difficile per gli organi di disintossicazione filtrare, legarsi ed eliminare tutti i composti indesiderati. Anche se le MNP non possono essere evitate del tutto, ci sono modi naturali per rafforzare le vie naturali di disintossicazione del corpo su base giornaliera, ad esempio mangiando una dieta ricca di piante con erbe e micronutrienti disintossicanti, sudando regolarmente (ad esempio, attraverso l’attività fisica, l’uso della sauna e i bagni caldi) e idratandosi correttamente (ma ricordate: l’acqua del rubinetto ha molte meno particelle di plastica dell’acqua in bottiglia!) Si può anche prendere in considerazione l’assunzione di un integratore disintossicante mirato che fornisce ingredienti antiossidanti (ad esempio, glutatione, vitamina C e cardo mariano), promuove il funzionamento ottimale degli organi di eliminazione (fegato, reni, intestino, polmoni, pelle e linfa) e rafforza ulteriormente le vie naturali di disintossicazione del corpo. (Scoprite qui gli integratori per la disintossicazione del fegato preferiti da mindbodygreen).

NEGOZIARE ORA

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles