Cellule staminali cordonali: la FamiCord salva 300.000 campioni

0
329
cellule staminali cordonali

La FamiCord, una biobanca europea, ha preso in consegna 300.000 campioni di cellule staminali cordonali ereditate dal fallimento della Cryo-Save AG.

Cellule staminali cordonali: cosa sono?

Le cellule staminali hanno la capacità di rinnovare o sostituire cellule danneggiate. Una volta tagliato il cordone ombelicale, il sangue viene prelevato dalla parte collegata alla placenta. Dato che il cordone si preleva dopo il parto, il processo è sicuro per mamma e neonato, oltre che corretto sotto il profilo etico. Le cellule staminali cordonali possono ricostruire il sistema ematopoietico e immunitario, e portano in dote una maggiore efficacia rispetto alle staminali proveniente da donatori adulti. Risultano anche più compatibili delle cellule prelevate per il trapianto di midollo osseo, particolarità che ne garantisce un più largo utilizzo.

Cellule staminali cordonali: il caso Cryo-Save AG

La Cryo-Save AG è una biobanca europea di cellule staminali cordonali. O per meglio dire, lo era, visto che ormai è in liquidazione. Ciò significa che non può più tenere in stoccaggio i campioni di sangue presso i propri laboratori. Per salvare i 300.000 campioni affidatigli da altrettante famiglie europee, la società si è rivolta alla FamiCord. Le due biobanche hanno siglato un accordo di backup, e i campioni si trovano attualmente nel laboratorio della FamiCord a Varsavia. Ora, la Cryo-Save AG avrebbe dovuto informare quelle 300.000 famiglie degli accordi presi, ma pare che questo non sia accaduto e la FamiCord si trova a dover gestire una grande patata bollente.

La FamiCord non può contattare le famiglie

La FamiCord ha le mani legate. La biobanca non può contattare le 300.000 famiglie perché queste non sono clienti FamiCord. La normativa europea glielo proibisce. L’unica soluzione è che siano le famiglie a contattare la biobanca, sia per ricevere informazioni sui campioni che sul nuovo contratto da stipulare. In che modo? Attraverso il sito web della società. Nella sezione dedicata ai contatti ci sono tutte le informazioni utili. La FamiCord si è impegnata a rispondere a tutti, e ci tiene a informare che i campioni custoditi a Varsavia non hanno subìto danni nel corso del lungo processo di trasferimento.

Commenti