Al Capone 1931: Scarface Colpevole per Frode Fiscale

Al Capone

0
1107
Al Capone

Al Capone leggendario boss italo-americano è un simbolo del gangsterismo americano e della crisi della legalità. Il 17 ottobre del 1931 è giudicato colpevole dalla giuria popolare ed incarcerato all’età di soli 32 anni. Il celebre criminale condannato per evasione fiscale, per un lungo tempo si è cercato un modo di accusarlo, non essendo possibile attribuirgli crimini diretti.

Al Capone – Condannato per evasione fiscale

Alphonse Gabriel Capone è il più celebre malfattore italo-americano della storia. In data 17 Ottobre del 1931 è condannato dalla giuria popolare colpevole di ‘evasione fiscale‘. Gli viene irrogata una pena a 11 anni di carcere ed a una pesante multa di 50.000 dollari. Al Capone è detenuto inizialmente ad Atlanta in Georgia, dove riesce ad ottenere alcuni trattamenti di favore. Seguentemente nel 1934 viene trasferito nel nuovo temutissimo penitenziario di Alcatraz passato alla storia come “the rock” – ”la roccia”. Racchiusi in essa i figli più odiati d’America. Qui gli verrà diagnosticata una grave forma di demenza senile dovuta alla sifilide.

Un uomo sicuro di sé e dei suoi obiettivi criminali è considerato l’emblema del gangsterismo americano. Al Capone nel novembre del 1939 torna in libertà, dopo che la sua condanna era stata ridotta a sei anni e cinque mesi per buona condotta e per crediti di lavoro in carcere.

Scarface: Il Maestro del Crimine

Al capone aveva una personalità molto forte e particolare. Entra nel mondo della delinquenza prematuramente, all’età di soli 11 anni abbandona gli studi dedicandosi alla criminalità. Nono figlio di Gabriele Capone emigrato italiano di origini campane e Teresa Raiola, fin da subito è circondando dalla povertà e delinquenza. Il più celebre gangster nasce 17 gennaio 1899 a New York, nel distretto di Brooklyn. A seguito di diversi lavoretti inizia un rapporto di lavoro come barista e buttafuori in un bar a Coney Island: l’Harvard Inn.

E’ proprio qui che il gangstare newyorkese concretizzerà la sua formazione come criminale.


L’11 agosto apriva la prigione di Alcatraz, tra mistero e leggenda


Nel locale Harvard Inn riceve una profonda ferita sulla guancia sinistra, che causa la cicatrice che gli valse il soprannome di Scarface, sfregiato. Fu qui che conobbe Johnny Torrio (gangster italo-americano ) a cui si affida. Il proibizionismo entra in vigore nel 1920 e l’afflusso improvviso di crimine che ne segue permette a Al Capone di dare libero sfogo alla sua sete di potere uccidendo chiunque è pronto ad ostacolarlo. Al Capone ancor troppo prematuro e giovane si affianca Johnny Torrio che diventa per lui un vero e proprio mentore, per salire di grado nella malavita americana ed arricchirsi.

I suoi colori preferiti sono il giallo e il verde, li utilizza spesso nel suo vestiario. Indossa un Fedora bianco e al mignolo possiede un diamante da 11 carati che all’epoca valeva circa 50.000 dollari. La biancheria intima che indossa è italiana e di seta. Attratto estremamente dall’eleganza gli valse il soprannome di Snorky, ovvero uomo di classe, un soprannome che amava.

La condanna di Al Capone, 1931

Nel 1930 Capone è dichiarato “nemico pubblico numero uno” dalla stampa statunitense, inserito nella lista dei criminali più pericolosi. Andrew Mellon, segretario del Dipartimento del Tesoro statunitense ordinò ad Eliot Ness di catturarlo, facendo nascere così la squadra degli “intoccabili“, i quali intercettarono le telefonate ed esaminarono tutte le transazioni finanziarie dei soci di Capone per incastrarlo.

Le prove raccolte portarono alla formazione di un grand jury, che incriminò Capone, suo fratello Ralph, i suoi sodali Jack GuzikFrank Nitti insieme ad altri gangster del “Sindacato” di Chicago, per evasione fiscale e violazione del Volstead Act, la legge sul proibizionismo. Il 17 ottobre la nuova giuria giudicò Capone colpevole solo di una parte delle imputazioni per evasione fiscale, condannandolo comunque a undici anni di carcere e a una pesante multa di 50.000 dollari.

Il nemico pubblico numero uno affetto da una grave forma di demenza causa dalla sifilide, è ricoverato dalla moglie Mae in un ospedale di Baltimora. Il 25 gennaio del 1947 è colpito da un ictus e da una polmonite. Muore all’età di 48 anni. Al Capone è seppellito al Mount Carmel Cemetery di Chicago.

Al Capone – Condannato per Frode Fiscale