Zelensky: possibile attacco russo nel Giorno dell’Indipendenza ucraina

0
355
Zelensky: possibile attacco russo nel Giorno dell’Indipendenza ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky avverte di un possibile attacco russo nel Giorno dell’Indipendenza ucraina. Le parole di Zelensky giungono dopo che la tensione tra Mosca e Kyiv è salita alle stelle. Mosca accusa Kyiv di terrorismo chimico.

Zelensky avverte di un possibile attacco russo nel Giorno dell’Indipendenza ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto alla nazione di prepararsi per una possibile escalation da parte della Russia mentre si avvicina il Giorno dell’Indipendenza ucraina, che si festeggia il 24 agosto. Nel suo discorso-video notturno, Zelensky ha affermato che gli ucraini non devono permettere a Mosca di “diffondere sconforto e paura” tra di loro mentre celebrano il 31° anniversario dell’indipendenza dal dominio sovietico. “Dobbiamo essere tutti consapevoli che questa settimana la Russia potrebbe provare a fare qualcosa di particolarmente brutto, qualcosa di particolarmente vizioso“, ha detto Zelensky.

Uno dei compiti chiave del nemico è umiliare noi ucraini, svalutare le nostre capacità, i nostri eroi, diffondere disperazione, paura, diffondere conflitti… Pertanto, è importante non cedere mai, nemmeno per un momento, a questa pressione nemica, per non caricarsi, per non mostrare debolezza. Dobbiamo essere tutti abbastanza forti da resistere a qualsiasi provocazione nemica – quanto basta per far sì che gli occupanti rispondano a tutti i loro colpi e terrore – per Kharkiv e Donbass, per Azovstal e Mykolaiv, per i campi di filtrazione, per Bucha, Irpin per tutte le città… Dobbiamo essere tutti abbastanza forti da resistere e arrivare fino alla vittoria ucraina“, ha aggiunto.  

Tensione alle stelle tra Ucraina e Russia

Negli ultimi giorni la tensione è cresciuta nella seconda città più grande dell’Ucraina, Kharkiv e in Crimea. A Kharkiv il coprifuoco è stato esteso per l’intera giornata dopo l’aumento dei bombardamenti russi. In Crimea un drone ha attaccato il quartier generale della flotta russa del Mar Nero. Mosca ha affermato che numerosi droni ucraini stanno attaccando le loro basi in Crimea.

Il ministero della Difesa russo ha accusato l’Ucraina di aver avvelenato alcuni dei suoi soldati nella parte controllata dai russi della regione sud-orientale di Zaporizhzhia a fine luglio. Il ministero russo ha affermato che molti soldati russi sono stati portati in un ospedale militare con segni di “grave avvelenamento” il 31 luglio. I test hanno mostrato una sostanza tossica, la tossina botulinica di tipo B. Mosca ha accusato Kyiv di terrorismo chimico e ha affermato che i risultati dei test saranno trasmessi all’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW). “Le prove del terrorismo chimico da parte del regime di Kiev saranno presto formalmente inoltrate all’OPCW attraverso la missione permanente della Russia“, ha detto. Un consigliere del ministero degli interni ucraino ha ribattuto che il presunto avvelenamento potrebbe essere stato causato dalle forze russe che hanno mangiato carne in scatola scaduta.

Uccisa figlia dell’ideologo di Putin

Secondo quanto riportato dall’agenzia TASS, la figlia di un ideologo russo ultranazionalista che si ritiene abbia avuto una forte influenza su Vladimir Putin è stata uccisa in un’autobomba alla periferia di Mosca. Darya Dugin, figlia del commentatore politico russo Alexander Dugin – soprannominato “il cervello di Putin” – è morta quando la Toyota Land Cruiser che stava guidando è stata fatta a pezzi da una potente esplosione a circa 20 km a ovest della capitale intorno alle 21:30 ora locale. Il capo dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk filo-Cremlino, Denis Pushilin , ha scritto sul suo canale Telegram che Darya Dugin è stata uccisa. Pushilin ha incolpato il governo ucraino.


Leggi anche: Putin permette agli ispettori di vistare la centrale nucleare di Zaporizhzhia