domenica, Giugno 16, 2024

Yulia Navalnaya preoccupata per la salute del marito

La moglie dell’oppositore russo Aleksej Navalny, Yulia Navalnaya, ha riferito di essere sempre più preoccupata per la salute del marito dopo avergli fatto visita nella colonia penale. Navalny ha annunciato uno sciopero della fame due settimane fa per richiedere cure mediche adeguate. Inoltre, questa settimana, i suoi avvocati hanno affermato che le autorità hanno minacciato Navalny di alimentarlo forzatamente.

Cosa ha detto Yulia Navalnaya?

La moglie dell’oppositore russo Aleksej Navalny, Yulia Navalnaya, ha detto di essere sempre più preoccupata per la salute di suo marito dopo avergli fatto visita nella colonia penale. Navalny, da due settimane, si sta sottoponendo ad uno sciopero della fame. L’oppositore ha affermato che continuerà lo sciopero fino a quando non gli saranno fornite cure mediche adeguate. Navalny ha affermato di avere forti dolori alla schiena e di perdere sensibilità alle gambe e alle mani. Nei giorni scorsi gli avvocati di Navalny hanno riferito che il loro cliente è stato minacciato dalle autorità carcerarie di alimentarlo forzatamente.

In un post su Instagram, Yulia Navalnaya ha detto di aver visitato suo marito martedì e di aver comunicato con lui per telefono attraverso un vetro. Yulia ha scritto: “Si è mostrato allegro e divertente. Ma parla con difficoltà e di tanto in tanto riattacca e si sdraia sul tavolo per riposare. So che non si arrenderà. Ma dopo la visita ad Aleksej, mi preoccupo ancora di più per lui”. Yulia ha poi scritto che Navalny ora pesa 76 kg, ha quindi perso altri 9 kg da quando ha iniziato lo sciopero della fame.

Navalny chiede di leggere il Corano

La moglie di Navalny ha anche riferito che Aleksej ha citato in giudizio i funzionari della prigione per avergli negato l’accesso al libro sacro musulmano, il Corano. In un post su Instagram Navalny aveva scritto: “Sto intraprendendo un’azione legale contro le autorità carcerarie perché non mi daranno il mio Corano. Ed è esasperante. Quando sono stato incarcerato, ho fatto un elenco di modi in cui volevo migliorare me stesso che cercherò di completare in prigione. Uno dei punti era studiare e comprendere a fondo il Corano. I libri sono il nostro tutto, e se devi fare causa per il diritto di leggere, farò causa”.

Navalny, che è stato criticato all’inizio della sua carriera politica per aver fatto commenti nazionalistici e deriso gli immigrati provenienti da paesi prevalentemente musulmani dell’Asia centrale, ha concluso il post dicendo: “Mi sono reso conto che il mio sviluppo come cristiano richiede anche lo studio del Corano”.


Navalny minacciato con alimentazione forzata

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles