martedì, Febbraio 27, 2024

YouTube rimuoverà i video sulla disinformazione elettorale

YouTube ha annunciato che rimuoverà i video fuorvianti che affermano che le frodi diffuse o altri errori hanno cambiato il risultato delle elezioni presidenziali statunitensi. Tuttavia, questa azione, presa un mese dopo le elezioni, potrebbe rivelarsi tardiva.

YouTube rimuoverà i video sulle frodi elettorali?

Donald Trump continua ad affermare che in realtà il vincitore delle elezioni presidenziali è lui. Questo perché si sarebbero verificate numerosi frodi in vari Stati chiave. Trump e suoi soci stanno diffondendo disinformazione sulle frodi elettorali su qualsiasi social network. YouTube, società di proprietà di Google, ha annunciato che ha iniziato a rimuovere i contenuti, caricati dal 9 dicembre in poi, che affermano che frodi o errori diffusi hanno alterato il risultato delle elezioni presidenziali americane del 2020. La società ha affermato che ormai un numero sufficienti di Stati hanno certificato il risultato. Ha citato la data dell’8 dicembre, data dopo la quale i risultati statali delle elezioni non possono essere effettivamente contestasti. Per questo il presidente eletto è Joe Biden e il sito di video si comporterà di conseguenza.

La politica non piacerà a coloro che insistono sul fatto che le elezioni siano state fraudolente. Il presidente Trump, in particolare, è noto per le rappresaglie contro i giganti di internet, che controllano le sue affermazioni.

YouTube non rimuoverà i video caricati prima del 9 dicembre

YouTube ha dichiarato che rimuoverà i video, come ad esempio, quelli in cui si afferma che un candidato alla presidenza ha vinto alle elezioni a causa di problemi di software diffusi o errori nel conteggio dei voti. Ha sottolineato però che consentirà comunque ai video che includono copertura di notizie e commenti con un contesto sufficientemente reale possono rimanere sulla piattaforma. Inoltre tutti i video, che violano le nuove norme, pubblicati prima di mercoledì, rimarranno attivi anche se ora infrangono le regole di YouTube. Presenteranno un pannello informativo che dice che i risultati delle elezioni sono stati certificati.

YuoTube: sforzi contro la disinformazione sono risultati efficaci

La società ha affermato che i suoi sforzi contro la disinformazione durante le elezioni sono stati efficaci. Da settembre ha bandito oltre 8.000 canali e “migliaia” di video per affermazioni “dannose e fuorvianti”. Oltre il 77% dei video ritirati prima di ottenere 100 visualizzazioni. I pannelli di controllo dei fatti si sono attivati ​​oltre 200.000 volte dalle elezioni del 3 novembre. L’azienda ha posizionato un pannello informativo nella parte superiore dei risultati di ricerca relativi alle elezioni, così come sotto i video che parlano delle elezioni. Il pannello informativo è collegato sia alla funzione dei risultati elettorali di Google che alla pagina “Rumor Control” della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency per smascherare la disinformazione sull’integrità elettorale. YouTube ha anche lavorato per promuovere contenuti da fonti di notizie autorevoli nei risultati di ricerca.

Forse l’azione di YouTube è tardiva

Seconodo i ciritici YouTube però avrebbe intrapreso un’azione tardiva contro la disinfomazione elettrorale. Durante le elezioni, YouTube ha probabilmente intrapreso l’azione meno aggressiva contro la disinformazione legata alle elezioni. Ad esempio, un video in cui si afferma che il presidente Trump ha vinto altri quattro anni in carica e che lanciava affermazioni infondate secondo cui i democratici “lanciano schede elettorali repubblicane, raccolgono schede false e ritardano i risultati per creare confusione” è stato permesso di rimanere sulla piattaforma. All’epoca, YouTube ha detto che il video non violava le sue regole e non sarebbe stato rimosso.

Anche Facebook e Twitter hanno limitati i contenuti con disinformazione

Durante le elezioni e in seguito, Twitter ha etichettato e limitato il modo in cui potevano essere condivisi i tweet contenenti disinformazione. Tra questi anche diversi Tweet del presidente Trump. Facebook inizialmente ha solo etichettato i post. In seguito ha aggiunto misure temporanee per limitare la portata di post fuorvianti e ha aggiunto ostacoli alla loro condivisione.


YouTube blocca i video dei complotti di QAnon

Crescono i risultati falsi delle elezioni americane su YouTube

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles