domenica, Febbraio 25, 2024

Vorresti adottare un gatto? Ecco quello che devi sapere

Il senso di solitudine e di isolamento che ci ha lasciato questa recente pandemia ha fatto aumentare esponenzialmente le richieste di adozione, soprattutto di gatti. Ma la decisione di accogliere in famiglia un animale domestico non deve mai essere presa alla leggera, perchè si tratta di assumersi una responsabilità che può durare anche oltre 20 anni. Vediamo cosa c’è da sapere prima di fare il “grande passo” e adottare un gatto.

A chi rivolgersi per adottare un gatto?

Ci sono centinaia di gatti di tutte le età che cercano disperatamente una sistemazione definitiva; in genere sono gatti raccolti per strada, gatti abbandonati dalla famiglia di origine o gattini frutto di cucciolate indesiderate o di mamma randagia. Di solito questi animali vengono accolti provvisoriamente nei gattili o dalle associazioni territoriali, le quali se ne prendono cura fino al momento dell’ adozione; per questo motivo, qualora si voglia adottare, è consigliabile rivolgersi in primis a queste strutture. I volontari che si occupano dei mici possono meglio di chiunque altro aiutarvi nella scelta dell’animale più adatto a voi: per una persona anziana che vive in appartamento potrebbe essere più indicato accogliere un gatto adulto, magari coccolone e sedentario; una famiglia invece giovane e con un bel giardino potrebbe invece indirizzarsi su uno o, perchè no, due cuccioli esploratori.

E’ meglio un gatto adulto o un cucciolo?

Inutile dire che non esiste una risposta univoca a questa domanda; tutto dipende dalle esigenze della famiglia ospitante e dal tempo che ha da dedicare al nuovo arrivato. I gattini sono certo irresistibili, ma richiedono molte più attenzioni di un gatto adulto; il gatto infatti, come qualsiasi altro animale domestico, deve essere educato alla vita in appartamento: gli si dovrà insegnare ad usare la lettiera, a non farsi le unghie sul divano o sui mobili, a non dormire sul letto se non lo si vuole. Inoltre, i gattini sono naturalmente più sensibili e predisposti alle malattie, e possono essere inconsapevoli portatori di patologie infettive anche molto gravi e contagiose. In ultimo, raggiunta una certa età il gattino andrà inevitabilmente sterilizzato, cosa che comporta una spesa abbastanza sostenuta di cui tenere conto.

E il gatto adulto?

Salvo casi di mici provenienti da situazioni particolari, il gatto adulto in genere è meno impegnativo del cucciolo, perchè in un certo senso è già pronto: sa già usare la lettiera, sa come approcciarsi all’essere umano, e di solito ha già effettuato i controlli medici di base e magari anche le vaccinazioni di routine e la sterilizzazione. Questo permetterà al nuovo padrone di avere meno spese da sostenere (almeno nei primi mesi) e, per esempio, di lasciare il micio a casa da solo con più tranquillità.

Il gatto domestico: cacciatore o poltrone?

E’ preferibile adottare un solo gatto o due?

Contrariamente a quel che si pensa i gatti sono animali gregari per natura, perchè scoprono la vita da piccolissimi proprio attraverso l’interazione tra di loro. Per questo motivo sarebbe preferibile adottarne due, magari della stessa cucciolata: si farebbero tanta compagnia quando noi non possiamo stare a casa con loro. Certo bisogna tenere conto del fatto che 2 animali sono 2 ciotole da riempire e spese veterinarie più elevate, ma probabilmente troverete meno danni in casa al rientro da lavoro e avrete dei gatti più robusti e resistenti alle malattie.

Cosa serve per iniziare?

Ora che più o meno abbiamo capito quale gatto sia meglio per noi, vediamo cosa occorre per essere preparati al suo arrivo in famiglia:

  • cassetta igienica con lettiera, da posizionare preferibilmente in un posto tranquillo e facilmente accessibile;
  • una cuccia calda e accogliente
  • una ciotola per l’acqua, che dovrà essere sempre a disposizione, ed una per il cibo; qualora si decida di dare al micio cibo secco ed umido sarebbe preferibile avere due ciotole separate;
  • un tiragraffi e qualche giochino, magari fai da te, soprattutto se il nuovo arrivato vivrà in appartamento;
  • in ultimo, ma è la cosa più importante, ricordatevi di scegliere un veterinario di fiducia! I gatti necessitano di visite di controllo annuali, che di solito vengono fatte contestualmente alla vaccinazione; sono inoltre esseri viventi, quindi nell’arco della loro vita potrebbero andare incontro a problemi acuti o cronici d trattare.

Abbiamo previsto tutto?

Purtroppo no, potrebbero accadere tantissime cose imprevedibili nell’arco della nostra vita (e di quella del nostro gatto). Scegliere di accogliere nella propria vita un animale domestico significa a volte dover fare sacrifici e rinunce, significa dover organizzare le ferie tenendo conto del nostro amico, significa correre dal veterinario quando si ha la necessità ed essere disposti a ciò che ne consegue. Loro però sanno sempre ricompensarci: ci aiutano a combattere l’ansia e lo stress, ci tengono compagnia, sono degli ottimi alleati per la crescita dei nostri figli. Adottare un gatto riempirà la vostra vita di un calore inaspettato, ma fatelo consapevolmente.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles