giovedì, Febbraio 29, 2024

USA preoccupati per la mobilitazione militare serba vicino al Kosovo

Gli USA sono preoccupati per la grande mobilitazione militare serba vicino al Kosovo. La mobilitazione è iniziata dopo che sono scoppiati violenti scontro in un monastero nel nord del Kosovo.

USA preoccupati per la mobilitazione militare serba

Gli USA hanno chiesto alla Serbia di ritirare le sue forze dal confine con il Kosovo. Belgrado ha schierato carri armati e artiglieria vicino al confine dopo che sono scoppiato scontri mortali in un monastero nel nord del Kosovo la scorsa settimana. Le violenze – in cui sono rimasti uccisi un agente di polizia kosovaro e tre uomini armati serbi – hanno segnato una delle più gravi escalation di tensioni da anni tra la Serbia e il Kosovo. “Stiamo monitorando un grande dispiegamento militare serbo lungo il confine con il Kosovo”, ha detto il ​​portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby. “Ciò include schieramento senza precedenti di artiglieria avanzata serba, carri armati e unità di fanteria meccanizzata. Riteniamo che questo sia uno sviluppo molto destabilizzante. Chiediamo alla Serbia di ritirare queste forze dal confine”, ha aggiunto. Kirby ha poi detto che la NATO “aumenterà la sua presenza” in Kosovo senza fornire ulteriori dettagli.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha parlato al telefono con il presidente serbo Aleksandar Vucic.I due hanno discusso dell’importanza di adottare misure immediate per allentare la tensione. Blinken ha poi espresso sostegno alle azioni della missione di mantenimento della pace KFOR guidata dalla NATO e alla missione EULEUX dell’UE in risposta alla violenza. La NATO ha affermato di aver autorizzato ulteriori forze per il Kosovo. 

Cos’è successo nel nord del Kosovo?

Tre uomini armati sono stati uccisi in uno scontro a fuoco con la polizia kosovara dopo aver teso un’imboscata a una pattuglia vicino al villaggio kosovaro settentrionale di Banjska. Nello scontro, che ha coinvolto circa 30 uomini armati, è rimasto ucciso un poliziotto. Milan Radoicic, un politico appartenente al partito politico della Lista serba del Kosovo, ha ammesso di aver organizzato l’attacco. Il primo ministro kosovaro Albin Kurti ha detto all’emittente Al Jazeera che il politico serbo kosovaro è stato solo “l’esecutore” dell’attentato e ha accusato Belgrado di averlo pianificato e ordinato.


Leggi anche: La Serbia osserva una “giornata di lutto” nazionale dopo gli scontri in Kosovo

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles