domenica, Maggio 19, 2024

Unilever nominata “sponsor internazionale della guerra” dall’Ucraina

Unilever, la multinazionale britannica di beni di consumo titolare di 400 marchi tra i più diffusi nel campo dell’alimentazione, bevande, prodotti per l’igiene e per la casa, è stata nominata dal governo ucraino come “sponsor internazionale della guerra”.

Unilever nominata “sponsor internazionale della guerra”

Scoppia la polemica nel Regno Unito contro Unilever, la multinazionale britannica di beni di consumo titolare di 400 marchi tra i più diffusi nel campo dell’alimentazione, bevande, prodotti per l’igiene e per la casa che ha sede a Londra e che in Italia commercializza notissimi marchi come gelati come Algida, Grom e Magnum, prodotti per l’igiene come Dove e Mentadent, prodotti per la casa come Lysoform o Svelto. Gli attivisti hanno invitato il nuovo capo di Unilever, Hein Schumacher, a ritirarsi dalla Russia, dove la sua attività locale continua a vendere prodotti “essenziali” dal tè al gelato, dopo che sono emerse prove che ha pagato Mosca 331 milioni di dollari di tasse l’anno scorso.

Nel frattempo, il governo ucraino ha deciso di nominare Unilever sponsor internazionale della guerra dopo che è emerso che il proprietario della multinazionale è diventato soggetto a una legge in Russia che obbliga tutte le grandi aziende che operano nel paese a contribuire direttamente al suo sforzo bellico.

L’Ukraine Solidarity Project (USP) ha eretto un gigantesco cartellone pubblicitario fuori dalla sede londinese del gruppo con immagini di soldati ucraini feriti, alcuni con arti amputati, in posa nello stile delle pubblicità del marchio di bellezza Dove e lo slogan: “Aiutiamo a finanziare la guerra della Russia in Ucraina”. “Unilever sta contribuendo con centinaia di milioni di entrate fiscali a uno stato che sta uccidendo civili e finanziando un gruppo mercenario che sta per essere designato come organizzazione terroristica nel Regno Unito”, ha affermato Valeriia Voshchevska, portavoce di USP. “Rischia che il suo personale e le sue risorse vengano mobilitati nella macchina di Putin. Alcune delle più grandi aziende del mondo hanno già lasciato la Russia. È possibile – dopo 16 mesi di guerra – che il tempo delle scuse sia passato”, ha aggiunto.

La risposta della multinazionale

Dal canto suo, la multinazionale ha affermato che la quantità di merci che Unilever vende in Russia è “diminuita in modo significativo a due cifre” e l’apparente aumento delle vendite, dei profitti e della spesa pubblicitaria è stato il risultato dell’inflazione e delle variazioni dei tassi di cambio. “Comprendiamo le ragioni per cui si chiede a Unilever di lasciare la Russia”, ha affermato al quotidiano inglese The Guardian un portavoce dell’azienda. “Vogliamo anche essere chiari sul fatto che non stiamo cercando di proteggere o gestire la nostra attività in Russia. Tuttavia, per aziende come Unilever, che hanno una presenza fisica significativa nel Paese, uscire non è semplice”, ha aggiunto. L’azienda ha poi detto che “se dovesse abbandonare le proprie attività e i propri marchi in Russia, questi verrebbero espropriati e quindi gestiti dallo Stato russo”.


Leggi anche: USA: la Russia ha commesso crimini contro l’umanità in Ucraina

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles