mercoledì, Febbraio 28, 2024

Un nuovo vaccino colpisce la malattia di Alzheimer alle sue radici

Questo nuovo vaccino ha come bersaglio la glicoproteina associata alla senescenza (SAGP), espressa nelle cellule cerebrali infiammate legate all’Alzheimer. Testato sui topi, il vaccino ha ridotto i depositi di amiloide, ha diminuito i biomarcatori infiammatori e ha persino migliorato la consapevolezza dell’ambiente circostante.

I risultati di questa ricerca preliminare offrono implicazioni promettenti per il futuro trattamento dell’Alzheimer negli esseri umani.

Fatti salienti

Il nuovo vaccino ha come bersaglio la glicoproteina associata alla senescenza (SAGP) sovraespressa nelle cellule cerebrali infiammate associate alla malattia di Alzheimer.
I test condotti sui topi hanno dimostrato che il vaccino riduce i depositi di amiloide e diminuisce i biomarcatori infiammatori legati alla malattia di Alzheimer.
I topi che hanno ricevuto il vaccino hanno mostrato una maggiore consapevolezza dell’ambiente circostante, suggerendo una riduzione dei sintomi della malattia.

Secondo una ricerca preliminare presentata all’American Heart Association’s Basic Cardiovascular Sciences Scientific Sessions 2023, un nuovo vaccino che ha come bersaglio le cellule cerebrali infiammate associate alla malattia di Alzheimer potrebbe essere la chiave per prevenire o modificare il decorso della malattia.

Il meeting si terrà a Boston dal 31 luglio al 3 agosto 2023 e offrirà le ultime ricerche sulle innovazioni e le scoperte nel campo delle scienze cardiovascolari.

In precedenza, i ricercatori della Juntendo University Graduate School of Medicine di Tokyo, in Giappone, hanno sviluppato un vaccino per eliminare le cellule senescenti che esprime la glicoproteina associata alla senescenza (SAGP) – un vaccino senolitico che ha migliorato diverse malattie legate all’età, tra cui l’aterosclerosi e il diabete di tipo 2 nei topi. Un altro studio ha anche scoperto che le SAGP sono altamente espresse nelle cellule gliali delle persone affette dal morbo di Alzheimer.

Sulla base dei risultati di questi studi, i ricercatori hanno testato questo vaccino nei topi per colpire le cellule SAGP sovraespresse e trattare la malattia di Alzheimer.

“La malattia di Alzheimer rappresenta oggi il 50%-70% dei pazienti affetti da demenza in tutto il mondo. Il nuovo vaccino testato nei topi dal nostro studio indica un modo potenziale per prevenire o modificare la malattia. La sfida futura sarà quella di ottenere risultati simili negli esseri umani”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Chieh-Lun Hsiao, Ph.D., borsista presso il dipartimento di biologia e medicina cardiovascolare della Juntendo University Graduate School of Medicine di Tokyo.

“Se il vaccino si rivelasse efficace nell’uomo, sarebbe un grande passo avanti per ritardare la progressione della malattia o addirittura per prevenirla”.

In questo studio, il team di ricerca ha creato un modello di topo della malattia di Alzheimer che imita il cervello umano e simula la patologia della malattia di Alzheimer indotta dalla beta amiloide.

Per testare l’efficacia del vaccino SAGP, i topi sono stati trattati con un vaccino di controllo o con il vaccino SAGP a due e quattro mesi di età. Di solito, le persone nella fase avanzata dell’Alzheimer sono prive di ansia, il che significa che non sono consapevoli delle cose che le circondano.

I topi che hanno ricevuto il vaccino avevano ansia, il che significa che erano più cauti e più consapevoli delle cose intorno a loro – un segno che, secondo i ricercatori, potrebbe indicare una diminuzione della malattia. Inoltre, sono stati ridotti anche diversi biomarcatori infiammatori della malattia di Alzheimer.

Lo studio ha rilevato che:

Il vaccino SAGP ha ridotto significativamente i depositi di amiloide nel tessuto cerebrale situato nella regione della corteccia cerebrale, responsabile dell’elaborazione del linguaggio, dell’attenzione e della risoluzione dei problemi.
La cellula astrocitaria (il tipo di cellula gliale più abbondante nel cervello e una specifica molecola infiammatoria) è risultata diminuita di dimensioni nei topi che hanno ricevuto il vaccino. È stata osservata anche una riduzione di altri biomarcatori infiammatori, il che implica che l’infiammazione cerebrale è migliorata in risposta al vaccino SAGP.
Un test comportamentale (dispositivo a labirinto) sui topi a sei mesi di età ha rivelato che quelli che hanno ricevuto il vaccino SAGP hanno risposto in modo significativamente migliore all’ambiente rispetto a quelli che hanno ricevuto il vaccino placebo. I topi vaccinati con SAGP tendevano a comportarsi come normali topi sani e mostravano una maggiore consapevolezza dell’ambiente circostante.
È stato dimostrato che la proteina SAGP si trova molto vicino a cellule cerebrali specializzate chiamate microglia, che svolgono un ruolo nella difesa immunitaria del sistema nervoso centrale. Le microglia aiutano a eliminare le placche dannose formate dalle proteine, ma scatenano anche un’infiammazione cerebrale che può danneggiare i neuroni e peggiorare il declino cognitivo di una persona, che potrebbe essere una delle cause dello sviluppo della malattia di Alzheimer.

Secondo il National Institute on Aging, una divisione del National Institutes of Health, nella malattia di Alzheimer un accumulo di proteine cerebrali chiamate peptidi beta amiloidi si raggruppa formando placche che si raccolgono tra i neuroni e interrompono la funzione cellulare.

I problemi vascolari possono anche portare alla rottura della barriera emato-encefalica, che di solito protegge il cervello dagli agenti nocivi e consente l’accesso al glucosio e ad altri fattori necessari.

Questa barriera emato-encefalica difettosa impedisce al glucosio di raggiungere il cervello e impedisce lo smaltimento della beta-amiloide e delle proteine tossiche, con conseguente infiammazione cronica e progressione della malattia di Alzheimer.

“Studi precedenti che hanno utilizzato diversi vaccini per trattare la malattia di Alzheimer in modelli murini hanno avuto successo nel ridurre i depositi di placca amiloide e i fattori infiammatori, ma ciò che rende il nostro studio diverso è che il nostro vaccino SAGP ha anche alterato il comportamento di questi topi in meglio”, ha detto Hsiao.

Secondo i ricercatori, ricerche precedenti suggeriscono che la proteina SAGP è molto elevata nelle microglia, il che significa che le microglia sono cellule molto importanti da colpire nella malattia di Alzheimer.

Hsiao ha dichiarato: “Eliminando le microglia in stato di attivazione, si può controllare anche l’infiammazione cerebrale. Un vaccino potrebbe colpire le microglia attivate e rimuovere queste cellule tossiche, riparando in ultima analisi i deficit comportamentali della malattia di Alzheimer”.

Secondo l’aggiornamento statistico dell’American Heart Association del 2023, nel 2017 circa 3,7 milioni di americani, di età pari o superiore ai 30 anni, erano affetti dalla malattia di Alzheimer e si prevede che questo numero aumenterà a 9,3 milioni entro il 2060.

I coautori, le loro divulgazioni e le fonti di finanziamento sono elencate nell’abstract.

Finanziamenti: L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche le fondazioni e le aziende (comprese le case farmaceutiche, i produttori di dispositivi e altre aziende) fanno donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione applica politiche rigorose per evitare che queste relazioni influenzino i contenuti scientifici.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles