UE condanna Israele per l’espansione edilizia in territori palestinesi

0
505
UE condanna Israele

Condanna da cinque paesi UE è scaturita dall’approvazione di Israele dei piani per la costruzione di migliaia di nuove case negli insediamenti in Cisgiordania. Cinque paesi, membri della UE, Germania, Francia, Spagna, Francia, Italia cui si è aggiunto anche il Regno Unito, hanno condannato l’espansione edilizia Israeliana in atto. Giovedì, secondo un gruppo di sorveglianza degli insediamenti, Israele ha fatto pressioni sui piani per più di 3.000 case di insediamento in Cisgiordania, rendendo il 2020 uno degli anni più prolifici per la costruzione di insediamenti.

Dichiarazione congiunta dei paesi UE che condanna Israele

La dichiarazione congiunta dei sei paesi, Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Francia e Italia rilasciata venerdì, afferma che, “l’espansione degli insediamenti viola il diritto internazionale. Mette ulteriormente in pericolo la fattibilità di una soluzione a due Stati per portare una pace giusta e duratura al conflitto israelo-palestinese“. “Chiediamo quindi l’immediata sospensione della costruzione degli insediamenti, degli sfratti e delle demolizioni delle strutture palestinesi a Gerusalemme Est e in Cisgiordania“, si legge nella dichiarazione. “Sottolineiamo che non riconosceremo alcun cambiamento alle linee del 4 giugno 1967, anche per quanto riguarda Gerusalemme, se non concordato tra le parti“. Per poi chiudere con: “la sospensione dei piani di annessione di parti dei territori palestinesi occupati deve diventare permanente“.

L’UE condanna ufficialmente Israele tramite una dichiarazione simile

Sullo sfondo della normalizzazione delle relazioni tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein, israeliani e palestinesi dovrebbero cogliere questa opportunità per prendere misure urgenti per costruire la fiducia e ripristinare la cooperazione sulla linea dei precedenti accordi e nel pieno rispetto del diritto internazionale“. La reazione della UE riguardo le intenzioni espansionistiche di Israele nei territori palestinesi è stata debole e conferma la sua poca presenza negli scenari internazionali.

Le Nazioni Unite criticano la mossa di espandere gli insediamenti

La mossa, accolta con favore dai leader dei coloni, è stata pesantemente criticata dai palestinesi e dall’inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente Nickolay Mladenov. Le ultime approvazioni hanno portato il numero di case a più di 12.150, secondo Peace Now. È di gran lunga il numero più alto di approvazioni da quando Trump si è insediato all’inizio del 2017 e il più alto da quando Peace Now ha iniziato a registrare le cifre nel 2012.

Programma per legalizzare i territori occupati

Questo include un programma per legalizzare cinque avamposti illegali, tra cui Mitzpe Dani, Harasha, Tapuach West e Pnei Kedem. I piani sono anche di far progredire la creazione della controversa area industriale di Samaria Gate. Area messa sotto tiro da gruppi ambientalisti per aver efficacemente tagliato un importante corridoio faunistico. Il progetto prevede anche l’approvazione retroattiva di un parco macchine illegale costruito nel 2016 nella Valle del Giordano.

La maggior parte delle unità approvate, quasi 2.000, si trovava nell’area strategica tra le città palestinesi di Ramallah e Nablus. Un’altra parte significativa, 775, si trovava negli insediamenti intorno a Nablus. Questi includono insediamenti che sarebbero effettivamente enclavi in territorio palestinese secondo il piano Trump, in luoghi come Yitzhar, Itamar, Alon Moreh e Bracha.

Le costruzioni sono come territori annessi de facto

Peace Now vede le nuove costruzioni come “annessione de facto di un territorio“. Azione che minaccia la possibilità di una soluzione a due Stati del conflitto israelo-palestinese. “Invece di approfittare degli accordi con gli Stati del Golfo e di promuovere la pace con i palestinesi, (Netanyahu) sta distorcendo le priorità di Israele, e sta fornendo a una minoranza marginale l’approvazione di queste unità di insediamento che continueranno a danneggiare le prospettive future di pace“, ha detto in una dichiarazione.

Le Nazioni Unite denunciano Israele che con le sue azioni mina la soluzione a due Stati

A questa prospettiva ha fatto eco Nickolay Mladenov, il Coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente. In una nota afferma in una dichiarazione che: “l’approvazione di queste 5.000 unità compromette la prospettiva di raggiungere una valida soluzione a due Stati, erodendo sistematicamente la possibilità di creare uno Stato palestinese contiguo e indipendente che viva fianco a fianco in pace e sicurezza con Israele. Invito le autorità a cessare immediatamente tutte le attività legate agli insediamenti“.


Violazioni israeliane nei territori occupati della Palestina


Porre fine alla soluzione dei due Stati prima delle elezioni in USA

Ahmad Majdalani, un ministro del Gabinetto palestinese, ha detto che Netanyahu stava lavorando “sistematicamente per porre fine alla soluzione dei due Stati attraverso le attività di insediamento“. Crede che l’ondata di approvazioni di questa settimana sia stata la risposta alle preoccupazioni che lo sfidante di Trump, Joe Biden, probabilmente, se eletto, accetterà meno le mire espansionistiche tramite edilizia nei territori della Palestina.

Commenti