INPS: maxi-assegno da duemila euro su alcune categorie

0
311
INPS Maxi-assegno

INPS a Novembre 2020 un maxi-assegno da duemila euro sarà in arrivo verso alcune categorie di soggetti invalidi. Va specificato che questa maggiorazione sulla pensione non spetta a tutti. Ma unicamente a soggetti invalidi rientranti in alcune specifiche. Vediamo immediatamente chi ne ha diritto e come ottenerlo.

INPS – Maggiorazione ‘assegno da duemila euro’

INPS, a Novembre in arrivo un maxi-assegno da duemila euro verso alcune tipologie di soggetti invalidi. Come rivelato nella circolare n.107: una maggiorazione non spettabile a tutti ma unicamente a soggetti invalidi rientranti in alcune specifiche. Ma come otteniamo il bonus di duemila euro? Ecco quali sono i soggetti che ne hanno il diritto e come percepire l’assegno. La Corte Costituzionale con sentenza n.152 dichiara sulla Gazzetta Ufficiale: ”Importo del tutto inadatto sulle pensioni spettanti agli invalidi civili”. Per cui la somma originaria di 286,81 euro è stata triplicata e portata a 651,51 euro, per le tredici mensilità.

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale dichiara alcune specifiche sulla ricezione della somma.


Bonus da 1000 euro: professionisti, stagionali, autonomi senza partita Iva


Chi ha diritto al compendio INPS maxi-assegno

INPS, per ottenere la somma dei duemila euro imposti nella circolare n.170 i requisiti fondamentali sono i seguenti:

  • bisogna essere un invalido al 100%
  • avere un’età compresa tra i diciotto e i sessant’anni
  • dover rispettare alcuni limiti reddituali

Per gli invalidi di oltre i sessant’anni esiste la Legge n.448 del 2001 che prevede loro una pensione già maggiorata. A riguardo invece il reddito vediamo assieme i limiti da non superare: 8.469,63 (se single). Se cumulato con quello del coniuge, non superiore ai 14.447,42 euro. Durante l’esecuzione della proposta numerosi dubbi sono giunti, riguardo il presentare una domanda per la ricezione della somma.


Reddito di cittadinanza: ha funzionato?


E’ stato chiarito definitivamente che, non va presentata alcuna richiesta. Provvederà la stessa INPS. Gli aventi diritto riceveranno una pensione maggiorata di invalidità. Con aggiunta del maxi-assegno da duemila euro. Il consiglio tutt’ora emanato è quello di rivolgersi ad un centro assistenza fiscale oppure un patronato richiedendo ulteriori chiarimenti.

INPS – Aumento Pensioni Invalidità

Commenti