venerdì, Giugno 14, 2024

Trump scrive alla commissione del 6 gennaio

L’ex presidente americano Donald Trump scrive alla commissione che indaga sull’assalto al Campidoglio del 6 gennaio 2021.  Trump ha risposto alla commissione dopo che quest’ultima lo ha chiamato a testimoniare.

Trump scrive alla commissione che indaga sull’assalto al Campidoglio

La commissione parlamentare d’inchiesta che sta indagando sugli avvenimenti avvenuti il 6 gennaio 2021 a Capitol Hill ha chiamato a testimoniare Donald Trump. L’ex presidente americano ha così deciso di inviare una lettera alla commissione. Nella lettera di 14 pagine, Trump non scrive se ha intenzione di rispettare il mandato di comparizione ma rilancia le sue accuse sui presunti brogli elettorali del 2020 e insiste che la commissione avrebbe dovuto esaminarle.

“Questo memorandum è stato scritto per esprimere la nostra rabbia, delusione e lamentela per il fatto che con tutte le centinaia di milioni di dollari spesi per quella che molti considerano una sciarada e una caccia alle streghe, e nonostante le richieste forti e potenti, non hai nemmeno speso un breve momento per esaminare la massiccia frode elettorale che ha avuto luogo durante le elezioni presidenziali del 2020 e ha preso di mira solo coloro che, per quanto riguarda i cittadini americani, stavano protestando contro la frode stessa“, si legge nella lettera.

Cosa afferma la lettera?

La lettera include numerose foto intese a dimostrare che molti americani sono al fianco di Trump e rielabora molte affermazioni fatte da Trump negli ultimi 18 mesi. La lettera afferma che Trump ha autorizzato migliaia di truppe della Guardia Nazionale a difendere il Campidoglio, un’affermazione che il suo ex segretario alla Difesa ad interim ha confutato in una testimonianza al comitato. Ripete anche le falese affermazioni del tycoon secondo cui i risultati delle elezioni in Georgia, Michigan, Arizona, Wisconsin e Pennsylvania erano tutti dubbi a causa di segnalazioni di irregolarità o sospetti sul movimento delle schede elettorali. Tuttavia in ogni Stato, i funzionari hanno certificato i risultati dopo audit e riconteggi. La testimonianza dei funzionari del Dipartimento di Giustizia al comitato ha spiegato come il dipartimento ha esaminato ciascuna delle affermazioni di Trump ed è stato in grado di sfatare o spiegare ciascuna di esse.

Trump conclude la lettera definendo i rivoltosi come “grandi patrioti americani”. “La gente di questo Paese non sosterrà una giustizia ineguale secondo la legge, o Libertà e Giustizia per alcuni. Il giorno delle elezioni sta arrivando. Chiediamo risposte sul crimine del secolo“, ha scritto l’ex presidente.


Leggi anche: Trump ha ordinato lo spostamento dei documenti

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles