Stazione Spaziale Internazionale: un orto a gravità zero

0
517
Stazione Spaziale Internazionale

Gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) hanno imbastito un orto: lattuga, ravanelli, senape e pak choi. A prendersene cura è l’astronauta della NASA Mike Hopkins.

Cosa sta accadendo all’interno della Stazione Spaziale Internazionale?

Mike Hopkins sta curando e coltivando gli ortaggi ​​all’interno della Stazione Spaziale Internazionale. Ha preso il secondo raccolto di ravanelli coltivati ​​nello spazio, che l’equipaggio ha mangiato ed apprezzato. Ha inoltre lavorato a due nuovi esperimenti, uno dei quali riguardava il primo trapianto di una coltura nello spazio. Le piante coltivate nello spazio forniscono una fonte di cibo che potrebbe migliorare la nutrizione degli astronauti, rendendo i futuri equipaggi più autosufficienti”, ha detto in una nota Mike Hopkins. “In secondo luogo, queste piante sono una connessione con la Terra. L’aspetto, la sensazione, il gusto e l’odore ci ricordano tutti la vita sulla Terra e questa connessione è positiva per la nostra salute mentale”.

L’importanza psicologica degli esperimenti sulla Stazione Spaziale Internazionale

Hopkins ha parlato dell’importanza psicologica della coltivazione e del consumo di prodotti freschi. Quello che gli astronauti mangiano viene preconfezionato e inviato, che può portare a un effetto chiamato monotonia alimentare, in cui le persone perdono appetito. Snack o verdure fresche possono dare un potente impulso psicologico, tale da dare un impulso mentale inverso. Secondo Hopkins ciò sarà rilevante per le future missioni su Marte. “Anche se gli astronauti non possono correre al supermercato durante una missione su Marte, potrebbero galleggiare in un modulo che produca certe suggestioni”, ha detto Hopkins. “E questo sarà importante per gli astronauti, li renderà più efficienti”.

Il cibo su Marte

Un altro fattore da considerare nelle future missioni su Marte è la durata del cibo preconfezionato. I futuri astronauti avranno bisogno di una varietà di alimenti nella loro dieta per sostenerli durante le missioni di oltre un anno. “Al momento il cibo preconfezionato ha una buona durata di conservazione per circa 18 mesi. Anche se tale dieta viene estesa, c’è la componente psicologica di avere cibo fresco, così come l’interazione con le piante”, ha detto Ralph Fritsche, senior project manager per la produzione spaziale presso il Kennedy Space Center.