SMS: il primo della storia fu inviato 25 anni fa

0
623
SMS: il primo della storia fu inviato 25 anni fa

Il primo SMS della storia fu inviato ben 25 anni fa. Si trattò di un messaggio di Buon Natale che ha cambiato la nostra vita.

Gli SMS al giorno d’oggi

Sono passati 25 anni dal primo SMS della storia. Avete mai pensato a quanto sia cambiata la nostra vita dopo questa scoperta? Al giorno d’oggi, gli SMS stanno lentamente scomparendo. Al loro posto troviamo le applicazioni di messaggistica istantanea, come Whatsapp e Telegram. Ma fino a pochi anni fa, gli SMS erano una preziosissima fonte di comunicazione che non andava sprecata. Adesso, comunicare a lunga distanza non è più un problema e le app ci permettono di inviare un gran numero di messaggi al giorno senza preoccuparci dei costi.

Il termine “SMS”

SMS è l’applicazione più utilizzata, con una stima di 3,5 miliardi di utenti attivi, ovvero circa l’80% di tutti gli abbonati di telefonia mobile alla fine del 2010. Il termine “SMS” viene utilizzato sia per l’attività degli utenti sia per tutti i tipi di messaggi di testo brevi in molte parti del mondo. SMS è anche impiegato nel direct marketing, noto come marketing via SMS.

I vantaggi degli SMS

Tra i principali vantaggi percepiti dell’SMS, alla base della straordinaria diffusione di questo servizio come sistema di comunicazione, c’è il basso costo rispetto a una lunga telefonata. Si tratta, in realtà, di un vantaggio in realtà spesso inesistente, perché una conversazione via SMS è costituita da più SMS a distanza di tempo, l’uno in risposta all’altro. C’è comunque la possibilità di rendere la comunicazione asincrona, cioè di leggere il messaggio in un qualsiasi momento successivo alla ricezione.

Il primo SMS della storia 25 anni fa

L’ingegnere britannico Neil Papworth il 3 dicembre 1992 inviò il primo SMS della storia da un computer a un cellulare sulla rete GSM Vodafone: il testo del messaggio era “MERRY CHRISTMAS”. Il primo SMS da cellulare a cellulare invece venne inviato all’inizio del 1993 da uno stagista della Nokia.

Commenti