Seconda giornata di serie A: gli highlights delle partite

0
433
seconda giornata di serie a
L'abbraccio tra Chiellini - infortunato - e Koulibaly dopo l'autogol del napoletano

Si è conclusa anche la seconda giornata di serie A. Un palco condiviso dal derby della capitale, una lotta fino alla fine per la conquista dei tre punti, autogol e rimonte incredibili. Per non parlare delle traverse e dei quattro pali conquistati dalla Lazio nel giro di pochi minuti. Insomma, un gioco che non smette mai di stupire, come Juve e Napoli sanno bene. Ma ci sono stati anche momenti intensi, come l’abbraccio tra Chiellini e Koulibaly che vediamo in foto.

seconda giornata di serie a
L’abbraccio tra Chiellini – infortunato – e Koulibaly dopo l’autogol del napoletano

Ma ecco tutti i risultati e i momenti salienti della seconda giornata di serie A.

Bologna – Spal : 1 – 0

Ad aprire le danze della seconda giornata di campionato sono state Bologna e Spal. La squadra di Mihajlovic è riuscita a portare a casa una vittoria grazie al gol di Soriano conquistato duranti gli ultimi minuti della partita, grazie all’assist di Orsolini. Le sorprese della partita sono state però Tomiyasu in difesa e Poli e Soriano in centrocampo. In panchina a sostenere la squadra abbiamo visto ancora una volta il mister Mihajlovic che non ha lasciato la squadra nemmeno questa volta. Per quanto riguarda la Spal invece, continua a restare a quota zero nonostante alcune occasioni come quelle di Di Francesco al 62′ e di Missiroli all’84’.

Milan – Brescia : 1 – 0

Si apre con Milan-Brescia la giornata di sabato che riesce a portare i primi tre punti per la squadra di Giampaolo. Al 12′ la partita si sblocca a favore dei rossoneri grazie al gol di Calhanoglu su assist di Suso. L’attesa però continua ad essere incessante per Piatek che nemmeno contro il Brescia riesce a dare una voce a quel nove che porta sulla maglia. Giampaolo decide di metterlo in campo solo durante il secondo tempo, ma questo non basta. Nel complesso il Milan ha mostrato alcune lacune nella finalizzazione delle azioni, ma Giampaolo si dichiara complessivamente contento della sua squadra, e assolutamente non preoccupato per le sorti del suo nove. Il Brescia? E’ ancora a secco e attende con tanta ansia il ritorno di Balotelli che sarà in campo alla quinta giornata contro la Juventus.

https://www.instagram.com/p/B11lu1TIw0K/

Juventus – Napoli : 4 – 3

Sempre la giornata di sabato si è conclusa con un’infuocata Juventus-Napoli che ha totalizzato sette gol da parte di entrambe le squadre. Il primo tempo è stato giocato completamente dai bianconeri che si sono dimostrati più preparati e forti rispetto alla prima giornata di campionato. Nonostante l’assenza in campo di Chiellini – infortunato durante l’allenamento e fermo per cinque mesi almeno – e di Sarri in panchina, la Juve porta a casa due gol. Il primo segnato da Danilo subito dopo il suo ingresso in campo al 12′ per sostituzione di De Sciglio, fuori per un infortunio. Mentre il secondo è arrivato nel giro di un minuto grazie a Higuain. L’argentino ha poi definito la partita una montagna russa, e infatti, all’inizio del secondo tempo è arrivato il 3-0 per i bianconeri grazie alla rete di Ronaldo. Ma la gioia dura poco. Al 66′ su punizione di Mario Rui, Manolas segna il primo gol dei partenopei riportando speranza nella sua squadra. A riaprire ufficialmente la partita è poi Lozano, entrato al secondo tempo, che su assist di Zielinski porta a casa dopo soli due minuti il secondo gol. A dieci minuti dalla fine arriva poi il pareggio grazie a Di Lorenzo su punizione di Callejon. Tre minuti supplementari. Una partita che sembra finita, fino a quando, Koulibaly mette la palla in rete regalando la vittoria agli juventini, dopo aver causato una ferita a Bonucci. La partita si conclude qua e la Juve porta a casa i tre punti.

Chiellini infortunato: il legamento gli costerà la Champions

https://www.instagram.com/p/B11-xQSi3Hk/

Lazio – Roma : 1 – 1

La giornata di ieri è iniziata con il derby della capitale. Lazio-Roma si è conclusa con un pareggio e la rimonta della Lazio sulla cugina. Principale protagonista della partita è stata senza dubbio la porta. Con un totale di quattro pali per la Lazio e due per la Roma a pochi istanti uno dall’altro, solo due volte la palla è riuscita a superare la linea di confine tra gol e no gol. Ad aprire le danze è stato Kolarov su rigore al 17′. Da quel momento in poi le squadre si sono attaccate una con l’altra rimediando numerosi ammonimenti e guadagnando un secondo gol per i biancocelesti. E’ Luis Alberto a segnare su assist di Immobile che in questo derby non è riuscito a trovare la rete come nella giornata precedente. In campo tra i migliori si sono fatti vedere Zaniolo per la Roma e Correa per la Lazio.

Serie A, Lazio e Roma non pungono il derby finisce 1-1

Udinese – Parma : 1 – 3

Udinese-Parma si è conclusa con la vittoria netta della squadra di D’Aversa. Decisivo è stato senza dubbio Gervinho che ha segnato il primo gol al 43′ e ha fornito l’assist a Inglese al 79′. Ma a dare inizio alla partita è il gol di Lasagna per l’Udinese. AL 59′ è Gagliolo a segnare il sorprasso del Parma.

Genoa – Fiorentina : 2 – 1

La squadra di Firenze non riesce a portare a casa un punto nemmeno durante questa giornata. Finisce 2 a 1 infatti Genoa-Fiorentina. Montella in attacco ha dato fiducia a Boateng con Chiesa e Sottil ai suoi lati, mentre per il Genoa Andreazzoli ha confermato il tandem Pinamonti-Kouame. Il primo gol è proprio di Zapata del Genoa che di testa riesce a inserire la palla arrivata su assist di Ghiglione. Ed è ancora dei giocatori in casa il secondo gol firmato Kouamé che su rilancio di Radu doma la palla e di destro da fuori area supera la difesa di Dragowski. Al 76′ la Fiorentina prova la rimonta grazie a Pulgar che trova la rete su rigore, ma questo non basta per portare la Viola a guadagnare almeno un punto.

https://twitter.com/GenoaCFC/status/1168262800902410241

Lecce – Hellas Verona : 0 – 1

Sorte uguale a quella della Viola è toccata al Lecce che ha perso in casa contro il Verona. Lecce-Hellas finite con tre punti a favore dei veronesi che, grazie alla rete di Pessina nel finale di gara, suggellano l’ottima prima frazione di gioco. Eppure le occasioni ci sono state anche per la squadra pugliese. A cercare il gol all’86’ uno straordinario Mancosu che con un destro rasoterra da dentro l’area cerca la rete, ma Silvestri si allunga e devia la palla in corner. Ora l’Hellas è a quota 4 punti.

Cagliari – Inter : 1 – 2

Altri tre punti per la squadra di Conte che attualmente si trova in testa alla classifica. Cagliari-Inter si conclude con un ottimo 1 a 2 grazie alle reti di Martinez e Lukaku per l’Inter e di Joao Pedro per il Cagliari. Un gol, quello di Martinez, che ha fatto suscitare alcuni dubbi, tanto da spingere l’arbitro Maresca a consultare il parere del VAR per capire se la posizione della punta fosse valida oppure no. Una partita che ha visto il Cagliari mettere tanta grinta, mentre l’Inter si è visto dover faticare un pò di più rispetto alla precedente giornata contro il Lecce. Ma tutto sommato grazie all’arbitraggio presente l’Inter ha vinto sui sardi.

Atalanta – Torino : 2 – 3

Grande scontro è stato invece quello che si è tenuto a Bergamo tra Atalanta e Torino. Con una partita di sostanza e concretezza, il Torino ha portato sorprendentemente una vittoria a casa. Nel primo tempo hanno prevalso le reti di Bonifazi su assist di Baselli al 24′, mentre Zapata al 38′ ha segnato grazie a Pasalic la prima delle due reti. La seconda è arrivata infatti a inizio secondo tempo grazie all’assist di Papu Gomez. Ma la vera stella che ha regnato il secondo tempo è stato Berenguer che al 57′ su assist di un altrettanto stellare Meite ha permesso al Toro la rimonta. A segnare il gol decisivo è stato invece Izzo che al 66′ con un colpo di testa perfetto ha inserito la palla nella porta di Gollini. Tutto sommato l’Atalanta ha creato molte occasioni, nonostante alcune siano fallite in un niente.

Sassuolo – Sampdoria : 4 – 1

Sassuolo-Sampdoria si è conclusa con la grande vittoria della squadra di De Zerbi che al Mapei ha conquistato la prima vittoria con un Berardi decisamente campione. Firmatario di tre gol in meno di un quarto d’ora, l’attaccante del Sassuolo ha segnato una grande partita a favore della squadra di casa, grazie agli assist di Ducan e Caputo. Il secondo tempo però non inizia nel migliore dei modi per la Sampdoria. Con un giocatore in meno, dopo l’espulsione di Vieira, deve fare i conti con il quarto gol del Sassuolo firmato da Traorè. Ma la squadra di Genova di non molla e cerca un gol fino al 67′ quando Quagliarella non riesce finalmente a sbloccarsi e a trovare la rete. Ma questo non sembra bastare e la Sampdoria continua a contare quota zero in classifica con sette gol subiti, quanti quelli del Napoli.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here