Richard Baxter: il religioso puritano anticonformista

0
212

Richard Baxter è un religioso britannico e predicatore puritano del 1600. La popolarità del personaggio giunge con la produzione di opere teologiche e storiografiche, in particolare con l’autobiografia Reliquiae Baxterianae. Durante la carriera, l’ecclesiastico sostiene gli ideali puritani con le distanze dagli schemi dottrinali.

Richard Baxter chi è?

Il religioso nasce a Rowton il 12 novembre 1615 e decede a Londra l’8 dicembre 1691. Durante l’infanzia Richard riceve un’educazione di tipo clericale e prosegue gli studi nella scuola di Wroxeter, con l’aiuto dell’insegnante teologo John Owen. In seguito, il maestro inserisce l’allievo nel percorso di tutorato, con l’amico cappellano Richard Wickstead.

Nel 1633, Baxter raggiunge a Londra il Maestro dei Revels alla corte di Carlo I, dove conosce i ministri puritani Symonds e Cradock. Dopo la scomparsa della madre, il devoto decide di approfondire gli studi religiosi e diviene diacono nel 1638. Da qui, l’ecclesiastico acquisisce la carica di assistente ministro a Shropshire ed abbraccia le dottrine anticonformiste. A fronte di ciò, Baxter si allontana dalle ideologie della chiesa anglicana e segue i principi puritani ed in opposizione alla stessa.

Richard Baxter: la carriera

Nel 1641, il religioso diviene curato a Kidderminster e vi rimane per quasi vent’anni. Durante la carica ecclesiale, Baxter attua numerose riforme con la nascita di un’associazione per i ministri della chiesa, ovvero per tutti senza distinzioni episcopali o presbiteriane. A ragion per cui, segue la realizzazione del libro del curato, dal titolo The reformed Pastor, in cui tra le pagine dell’opera Baxter descrive con cura le attività pastorali.

Allo scoppio della Guerra Civile Inglese, l’ecclesiastico si oppone ad entrambe le parti ed attua la propria protesta. Come conseguenza, il religioso britannico si rifugia a Gloucester, per fuggire dai sostenitori realisti. Nel 1643, Baxter si oppone alla Lega ed al Patto Solenne, poiché il suo pensiero sostiene la chiesa istituzionale.

Inoltre, nell’ideologia del religioso, predicatori e combattenti come Tobias Crisp e John Saltmarsh non rispettano le regole cristiane. Da tale pensiero, l’ecclesiastico produce lo scritto dal titolo Aphorisms of Justification, con la pubblicazione nel 1649. In seguito, Baxter intensifica l’attività letteraria e nascono altre opere teologiche e storiografiche.

Il pensiero

Negli scritti di Richard Baxter, le dottrine teologiche divengono ispirazione per un’espressione letteraria, che discosta dal Calvinismo tradizionale. Tuttavia, come puritano emerge la distinzione sull’influenza del pensiero arminiano. Per tale ragione, Baxter esprime una propria concezione di redenzione cosmica, che in qualche modo diviene una forma di opposizione ai Calvinisti.

Da qui, l’universalismo della Scuola di Saumur, dove i principi cardini del Calvinismo non vengono interpretati completamente. Di fatto, l’idea che Dio mette a disposizione di tutti i benefici della redenzione di Cristo. E la fede nasce dall’intervento di Dio, in quanto nessun uomo è in grado di generare fede da sé stesso. La dottrina che sostiene Richard Baxter rappresenta delle modifiche dal Calvinismo conservativo, in quanto richiama la grazia sovrana di Dio nell’applicazione e nella redenzione.