Eusalp e rilancio delle zone alpine. Disponibile un sondaggio

L'Uncem ha aderito a Strategia Eusalp, finalizzato allo sviluppo delle aree alpine europee. Gli utenti di Internet possono partecipare con idee e suggerimenti, compilando un questionario

0
769
On line un questionario per fornire le proprie opinioni sulla Strategia Eusalp

I suggerimenti degli utenti di Internet per favorire lo sviluppo delle aree montane. L’Uncem ha messo in rete un questionario riguardante la Strategia macroregionale Eusalp, un piano finalizzato al rilancio delle zone alpine. Un piano che coinvolge 48 Regioni di sette Stati europei in cui amministrazioni ed Enti svolgono un ruolo importante per garantire servizi, crescita economica e politiche territoriali mirate.

L’Uncem propone un breve sondaggio di dieci domande per verificare la condivisione del programma tra chi si occupa della gestione della Cosa pubblica e i cittadini. Gli utenti possono verificare la propria conoscenza della Strategia macroregionale Eusalp e fornire suggerimenti per rendere più efficace l’azione politica volta a favorire queste aree spesso messe in secondo piano nei programmi di sviluppo regionali e nazionali.

Questo programma porterà nelle zone montane finanziamenti e risorse in modo da potenziare l’industria e le tecnologie digitali, trasformare o costruire sistemi di trasporto efficienti e rispettosi dell’ambiente e sviluppare la green economy.

Il sondaggio disponibile in rete serve a fissare gli obiettivi da portare a termine entro il 2020 e i mezzi di comunicazione più adatti a informare sulle opportunità del progetto. Il gruppo  di lavoro di Eusalp sta portando avanti alcuni nuovi piani che saranno sviluppati nei prossimi mesi. Il programma denominato Alpgov serve a creare una serie di azioni di governo coordinate in tutte le Regioni aderenti, MountErasmus per garantire ai giovani che vogliono dedicarsi all’attività agricola formazione e Re-search Alps per favorire gli studi e l’innovazione in queste aree.

La prima assemblea generale di Eusalp si svolgerà il 13 febbraio a Rottach-Egern e sarà diretta dalla presidenza bavarese; seguiranno,  dal 14 al 16, a Garmisch una serie di incontri del Gruppo di lavoro per definire le priorità dei prossimi mesi.