Sulle tracce di Aldo Moro. Il Piano Mike (ritrovamento dell’On. Aldo Moro morto)

0
1302

Il secondo documento svelato da Cossiga (il Piano Mike), attraverso l’intervista ad una televisione tedesca in data 30 novembre 1993, prevedeva sei punti: 1) Immediato avviso al Procuratore Generale della Repubblica Dott. Pascalino ed al Sostituto Procuratore Generale della Repubblica dott. Guasco, per l’immediato obbligatorio sopralluogo. 2) Occorre far giungere sul posto gli artificieri, per scongiurare eventuali trappole esplosive. 3)Il luogo del ritrovamento deve essere completamente isolato: prima della autorizzazione del Magistrato, nessuna Autorità (fatta eccezione per la Polizia Scientifica e per un ristretto numero di investigatori) può accedere (più Ministro dell’Interno – Presidente del Consiglio – Alte Autorità di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza – esclusa la famiglia). 4) Dare immediato avviso al Prof. Silvio Merli (medico legale) e al Prof. Antonio Ugolini, e accompagnarli sul posto. 5) Va predisposto un contestuale rigoroso servizio d’ordine davanti all’abitazione ed allo studio dell’On. Moro. 6) L’Ente (Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza) che per primo avrà notizia dovrà dopo l’immediato avviso al Magistrato, avvertire gli altri due Enti. Sergio Flamigni, ex senatore del P.C.I. e membro della commissione parlamentare di inchiesta sul caso Moro, autore di numerosi libri sulla vicenda e certamente uno dei massimi conoscitore dell’affaire Moro, formulò la seguente critica rispetto alle dichiarazioni dell’ex Ministro dell’Interno  “Cossiga nulla disse alla commissione d’inchiesta circa i piani “Mike” e “Victor”, pur essendo tenuto a riferire qualsiasi iniziativa del suo ministero e del governo in merito al caso Moro. Quei due fogli dattiloscritti dei piani “Mike” e “Victor” di cui Cossiga parla soltanto oggi non furono mai consegnati alla commissione parlamentare, ne’ si ritrovano tra gli atti giudiziari trasmessi dalla Procura della Repubblica che, secondo Cossiga, tali piani aveva predisposto. Neppure il procuratore capo De Matteo e il procuratore generale  Pascalino dissero alcunche’ durante le loro deposizioni davanti alla commissione”. Su questa vicenda il giudice Ferdinando Imposimato, nel suo libro “I 55 giorni che hanno cambiato l’Italia”, ha pubblicato il testo integrale di una interrogazione parlamentare (15 novembre 1988) del senatore Ugo Pollice, con la quale si chiedeva al ministro dell’interno notizie relative al Piano Victor ed al Piano Mike.


Piano Mike