Quayola e la scultura computazionale in piazza a Carrara

La prima scultura in marmo dell’artista scolpita con un braccio robotico guidato da algoritmi, parte di una nuova produzione nata grazie alla collaborazione con Cave Successori Adolfo Corsi

0
286
Quayola
Quayola, Hercules and Nessus #A_01, 2022, Carrara, credits Olivia Corsi

In occasione della sesta edizione di White Carrara 2022, Quayola presenta Hercules and Nessus #A_01, una scultura in marmo di Carrara scolpita con un braccio robotico guidato da algoritmi. 10 – 19 giugno 2022
opening event | 10 giugno 2022 Piazza Alberica, Carrara

In occasione della sesta edizione di White Carrara 2022, Quayola presenta Hercules and Nessus #A_01. La scultura in marmo è scolpita con un braccio robotico guidato da algoritmi. L’opera, parte di un progetto che sviluppa la ricerca dell’artista su tradizione scultorea e estetiche materializzate con mezzi robotici, è ispirata alla tecnica del non finito michelangiolesco. Indaga le infinite possibilità di articolazione della materia attraverso logiche computazionali.


Carta di Carrara: arte e artigianato per sviluppo sostenibile


Qual è la particolarità della scultura di Quayola?

Hercules and Nessus #A_01 è realizzata in marmo Bardiglio Calagio di colore grigio che prende il nome dalla cava situata a Carrara. Una miniera coltivata dalla ditta Successori Adolfo Corsi sin dai primi anni dell’800. Il blocco di marmo è infatti scolpito in modo da non arrivare mai a liberare totalmente la figura del capolavoro rinascimentale Ercole e il centauro Nesso di Giambologna. La scultura, dunque, non è una forma conclusa e il focus è sul processo, le molteplici interazioni generate dagli algoritmi sulla materia per scolpirla senza mai risolverla del tutto. Il vero soggetto non è l’opera, ma il metodo logico che prende forma nella complessa geometria finale.

L’idea dell’artista

Quayola si avvale della tecnologia non come strumento, ma come collaboratore. Infatti, il robot industriale sostituisce all’artigianalità dell’artista il rigore di percorsi calcolati mediante algoritmi computazionali. Le geometrie digitali, scolpite sul marmo da mano non umana, esplicitano pertanto la tensione tra elementi antropici e tecnologici, digitali e naturali. Il progetto segna quindi l’inizio di una collaborazione tra Quayola Studio, le cave Successori Adolfo Corsi e il laboratorio di fresatura robotica TorArt. Hercules and Nessus #A_01, 2022 ha dimensioni: 120x90x250(h) cm. Sarà in esposizione a piazza Alberica a Carrara da oggi, 10, al 19 giugno.

Immagina da cartella stampa.