Perché un lungo bagno fa bene quasi quanto una lunga corsa

I ricercatori hanno scoperto che l'immersione prolungata in un bagno bollente ha molti degli stessi benefici medici dell'esercizio aerobico

0
473

Il primo bagno caldo è stato utilizzato dagli antichi egizi 4.000 anni fa. Utilizzavano un grande recipiente in pietra, ora sostituito da un contenitore in acrilico termoformato riempito con acqua calda. Ecco le basi per un lungo bagno caldo rigenerante che è, per il nstro corpo come fare esercizio fisico.

Fare un lungo bagno caldo è davvero come fare ginnastica?

Sì! L’Università di Coventry ha fatto uno studio e ha scoperto che fare il bagno è esattamente come fare esercizio. Ha scoperto che i bagni caldi possono apportare alcuni benefici per la salute simili a quelli dell’esercizio aerobico. Le terapie termiche, incluso il tempo trascorso in una vasca idromassaggio, possono aumentare la temperatura corporea interna e migliorare il flusso sanguigno, che può abbassare la pressione sanguigna, controllare la glicemia e ridurre l’infiammazione. Non è la stessa cosa che fare esercizio. Nel senso che non costruirai muscoli o perderai peso facendo il bagno.


Bagno consapevole: cos’è e come prepararlo


Ma quanto deve essere caldo?

Questa è la cattiva notizia. Probabilmente non puoi ottenere questi benefici per la salute dal tuo bagno. Non c’è molto da guadagnare gettandosi in una vasca che perde rapidamente calore. È meglio sedersi in una vasca idromassaggio. Charles James Steward, uno degli autori dello studio, consiglia di sedersi e immergersi fino alle spalle in una vasca idromassaggio riscaldata a circa 40° C per un’ora.

E le saune?

In generale ottengono la stessa cosa. Uno studio in Finlandia ha dimostrato che gli uomini di mezza età che facevano da quattro a sette sessioni di sauna a settimana hanno beneficiato di una riduzione del 50% del rischio di malattie cardiovascolari fatali rispetto a quelli che facevano solo una sauna a settimana. Si pensa che sia anche un antidepressivo e ha dimostrato di ridurre il rischio di demenza.