domenica, Giugno 16, 2024

Paura in Myanmar per gli sfollati rinchiusi nel Rakhine in Myanmar

Crescel la paura in Myanmar per il benessere di migliaia di sfollati nello Stato Rakhine occidentale. Dopo la scoperta del COVID-19 nei campi sono in isolamento e non sono in grado di avere abbastanza cibo da mangiare.

Perchè tanta paura in Myanmar per gli sfollati?

Il campo per sfollati interni di Sin Bawkaing (IDP), che ospita quasi 4.000 persone, è l’ultimo ad essere colpito dall’accelerazione della pandemia. Il campo è stato bloccato da quando a una donna è stato diagnosticato il virus il 14 luglio. Da allora sono emersi ogni giorno nuovi casi. “È stato davvero scioccante e non so come sopravvivere”, ha detto Win Nu, una madre di tre figli di 33 anni. “Il virus può diffondersi facilmente in tutto il campo“.

La nuova ondata che aumenta la paura in Myanmar

Sono passati sei mesi da quando i militari hanno preso il potere dal governo eletto del Myanmar con un colpo di stato. Il paese sta ora affrontando una nuova ondata di infezioni da COVID-19. Mercoledì, il Ministero della Salute ha comunicato 4.980 nuovi casi e 365 decessi. Ha affermato di aver condotto solo 13.763 test a livello nazionale, suggerendo che l’epidemia è molto più grande di quanto riportato ufficialmente. I servizi funebri e i media locali hanno condiviso numeri più alti con le cremazioni salite a 1.000 al giorno a Yangon, la città più grande del paese. “Una volta che una persona viene infettata, è più facile trasmetterla ad altre persone”, ha affermato il monaco Tazaung Sayadaw.

La guerra e la crisi umanitaria

L’AA, fondata nel 2009 e uno dei numerosi gruppi etnici armati del Myanmar, vogliono l’autodeterminazione per il popolo dello Stato di Rakhine e hanno combattuto l’esercito del Myanmar per la maggior parte degli ultimi due anni. Prima del colpo di stato, il governo della National League for Democracy (NLD) aveva invitato i militari, noti come Tatmadaw, a “schiacciare” l’AA, imponendo la chiusura di Internet più lunga del mondo e designando l’AA come “organizzazione terroristica”. Ha inoltre escluso l’AA dalla sua storica conferenza di pace e bloccato l’assistenza umanitaria alle persone colpite dal conflitto.


Diario di un medico del Myanmar che aiuta manifestanti


I precedenti

Lo stato era già stato il luogo di sanguinose violenze interetniche nel 2012, quando più di 130.000 Rohingya, per lo più musulmani, sono stati costretti nei campi all’interno dello stato e hanno negato la cittadinanza e diritti come l’istruzione, la libertà di movimento e l’assistenza sanitaria secondo le politiche del governo. Nel 2017, l’esercito ha lanciato una brutale repressione che ha costretto centinaia di migliaia di Rohingya a fuggire oltre il confine in Bangladesh, ed è ora oggetto di accuse internazionali di genocidio presso la Corte internazionale di giustizia dell’Aia, nei Paesi Bassi.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles