lunedì, Luglio 22, 2024

Diario di un medico del Myanmar che aiuta manifestanti

Un medico che fornisce cure ai manifestanti feriti dall’esercito e dalla polizia descrive la violenza quotidiana in Myanmar. Il medico afferma: “Ho imparato a curare le ferite da arma da fuoco su YouTube”. Poi descrive anche il trauma dei birmani dopo il colpo di Stato militare. Ecco alcuni passi del diario di un medico del Myanmar.

Diario di un medico del Myanmar: una testimoniana agghiacciante?

Il giornale britannico Guardian ha riportato il diario di un medico del Myanmar che fornisce cure ai manifestanti feriti dall’esercito e dalla polizia. Il medico descrive la violenza quotidiana e il trauma che i birmani subiscono da quando è avvenuto il colpo di Stato. Il medico afferma che dopo che è avvenuto il golpe ha deciso di unirsi a un gruppo di medici per fornire cure ai manifestanti. Sottolinea che ogni giorno è rischioso per questi gruppi di soccorso. Inoltre che vivono costantemente nella paura di essere catturati e essere uccisi da colpi di arma da fuoco.

Tuttavia afferma che sono di vitale importanza per prestare soccorso ai feriti perché non ci sono posti dove potrebbero ricevere cure adeguate. Gli ospedali sono carenti di personale perché molti medici e infermieri si rifiutano di lavorare per la giunta miliare. Il medico sottolinea che sta facendo tutto questo per la gente del suo paese è perché vuole dare ai suoi figli un futuro luminoso.  Ecco alcuni passi del diario.

Il diario di sabato

Ogni mattina dico una preghiera. Scrivo il mio gruppo sanguigno, il mio numero di telefono di emergenza, il mio peso e altre credenziali sull’avambraccio. Dico a mia moglie: se non torno, devi vivere te stessa e prenderti cura dei bambini. Mia moglie mi dice: fai quello che devi fare, e se muori, sarò orgoglioso di te. Oggi c’è stata una protesta degli studenti. I militari hanno cercato di catturarli, ma sono scappati e si sono nascosti nelle case della gente del posto. I residenti si sono rifiutati di consegnarli, quindi i militari hanno iniziato a sparare contro di loro. Abbiamo aspettato nascondendoci nelle case locali, cercando di riportare gli studenti a casa sani e salvi. Siamo riusciti a far uscire circa 50 studenti. Ci è voluta mezza giornata. Alcuni di loro avevano molta paura di muoversi. Erano così giovani, solo 17 o 18 anni.

Gli studenti avevano solo lividi, ma i residenti sono stati uccisi per averli protetti. Una delle vittime è stata colpita alla schiena, vicino alla zona dei reni. Non potevamo entrare in casa sua perché tutte le corsie erano state bloccate dai militari. Gli altri residenti sono riusciti a portarlo da noi. Lo hanno spostato lentamente da una casa all’altra. Alla fine ha raggiunto la nostra ambulanza. A questo punto respirava a malapena. C’era molto sangue. Abbiamo provato a rianimare ma non ci siamo riusciti. Quattro persone sono state uccise nella zona.

Diario di un medico del Myanmar: domenica

La mia squadra ha saputo che c’era stata un’altra sparatoria in una vicina area del centro. Non c’erano proteste in quel momento, ma i militari stavano sparando mentre pattugliavano le strade. Quattro persone sono rimaste ferite, tra cui un ragazzo di 13 anni. Una donna è stata uccisa a colpi di arma da fuoco. Il suo corpo giaceva sulla strada, ma abbiamo dovuto aspettare quasi due ore per curarla perché i militari stavano sparando proiettili nelle vicinanze. La ferita mortale era sulla nuca.

Ci sono dei pazienti che vediamo, sdraiati per strada, che non possiamo raggiungere. I militari li prendono. Penso che il bilancio delle vittime ufficiale sia una sottostima. Penso di aver quasi contratto il disturbo da stress post-traumatico. A volte rido, a volte piango, a volte mi sento depresso. A volte non riesco a dormire bene.Non avevo curato ferite da arma da fuoco prima del colpo di stato. Ho imparato guardando YouTube e leggendo i miei libri di medicina e chirurgia.

Il diario di giovedì

I militari sono tornati stasera, pattugliando la zona in cui mi trovo e gridandoci di non uscire. Le persone nella mia strada stavano bene, ma in un’altra zona vicina un uomo è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco. Era un residente che si era offerto volontario per rimanere fuori durante la pattuglia notturna, per avvisare gli altri nel caso in cui i militari si avvicinassero.

Mia figlia ha paura dei colpi forti e delle imprecazioni. Mi chiede: perché non viene la polizia a fermare le sparatorie? Ha visto, nei film, come la polizia sia i bravi ragazzi che portano fuori i cattivi. È una domanda molto difficile per me rispondere. Come posso dirle che quelli che sparano alla gente sono poliziotti e soldati? Ogni volta che esco, mi chiede quando tornerò. Mi dice: papà, non uscire ti spareranno. È traumatico per i bambini. A causa di Covid, le scuole sono già chiuse da circa un anno e mezzo. Mia figlia mi chiede quando può uscire per una gita, ma è troppo pericoloso per i bambini uscire. Per fortuna abbiamo il wifi e quindi può guardare YouTube.

Mi sono disconnesso dal mio Facebook pochi giorni fa, così posso concentrarmi sul mio lavoro. Ci sono troppe voci, notizie false, guerra psicologica da parte della giunta e immagini grafiche sui social media. Ci sono video in diretta di persone che vengono massacrate o catturate e picchiate. È difficile far fronte a quello stimolo tutto il tempo. A volte, se non riesco a dormire la notte, prendo antidepressivi.


Inferno in Myanmar: i militari torturano i detenuti

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles