Passeggini ebrei: e vedrai file e file di forni portatili

L'uomo è ignobile

0
176
Passeggini ebrei: e vedrai file e file di forni portatili
Passeggini ebrei: e vedrai file e file di forni portatili

Passeggini ebrei e vedrai file e file di forni portatili. Niente di più scioccante di una rivelazione così moralmente ignobile, anche per il più ignobile razzista. I risultati di Google sono scioccanti: fai una ricerca di immagini per “passeggini ebrei” e vedrai file e file di forni portatili – un’allusione offensiva all’Olocausto.

Passeggini ebrei: e vedrai file e file di forni portatili, la follia della rete, la follia dell’ignoranza e di un mondo sconosciuto

Da Google ci viene detto che decine di esaminatori stanno studiando i dati. Ma secondo gli stessi, i risultati evidenzierebbero un incidente. È possibile che siano il risultato di una campagna estremista coordinata da un sito web marginale per produrre quelle immagini specifiche.

Il Network Contagion Research Institute studia dati sui passeggini ebrei

Il Network Contagion Research Institute, che studia il modo in cui l’incitamento all’odio si diffonde online, ha individuato una serie di post sulla bacheca di 4chan. I post risalgono al 2017, e abbinano intenzionalmente immagini di forni su ruote con il termine “passeggino ebraico”. In una ricerca sono state trovate almeno una dozzina di immagini simili, risalenti ad agosto e settembre 2017. Ciò significa che questi risultati potrebbero essere stati applicati per anni.

Ignobile spirito umano: Passeggini ebrei e vedrai file e file di forni portatili

“La pubblicazione di quel termine specifico accanto all’immagine potrebbe aver manipolato l’algoritmo di ricerca di Google. In modo tale da promuovere quelle immagini quando gli utenti cercano quel termine”. Afferma Joel Finkelstein, direttore dell’istituto. “Quello che ottengono è indurre Google a mettere quella roba in cima”, aggiunge Finkelstein. I riferimenti ai forni sono relativamente comuni tra gli antisemiti, alludendo ai crematori che i nazisti usavano per incenerire i corpi degli ebrei che avevano ucciso durante l’Olocausto.

Google si impegna nella ricerca dei colpevoli

Google ha dichiarato alla Jewish Telegraphic Agency “Comprendiamo che si tratta di risultati inquietanti e condividiamo la preoccupazione per questo contenuto. Non riflette le nostre opinioni. I nostri sistemi si basano in gran parte sulla corrispondenza delle parole nella tua query. Per questa query, che riguarda un prodotto che in realtà non esiste, le corrispondenze più vicine sono le pagine web che contengono contenuti offensivi e che incitano all’odio”. Google rimuove raramente i singoli risultati di ricerca o apporta modifiche a un termine di ricerca specifico. Un portavoce ha affermato che la società cerca “miglioramenti sistematici più ampi che possano migliorare la ricerca per altre query simili”. In particolare ha detto il portavoce, la sfida qui è un “dati vuoti” in cui l’unico contenuto disponibile per un termine di ricerca è “offensivo o di bassa qualità”.

Potrebbe esserci un’altra possibilità

I ricercatori del Network Contagion Research Institute affermano che potrebbe esserci un’altra possibilità. Qualcuno ha portato l’algoritmo di ricerca di Google a scambiare il forno portatile per un passeggino perché sembrano in qualche modo simili. Come i post di 4chan. “O è un raid dei troll di 4chan o è un meme che è circolato sul web”, ha detto Alex Goldenberg, capo analista dell’intelligence dell’istituto. “L’algoritmo di ricerca di Google lo sta portando in cima per qualche motivo, o l’elemento nel meme sta ingannando l’algoritmo di Google”. Goldenberg ha aggiunto: “È incredibile che la ricerca di immagini di Google non l’abbia rilevata. Se fosse un’azione coordinata degli antisemiti online, chiamata raid, non sarebbe la prima”.

Raid un termine da guerriglia

In un “raid” del 2016 chiamato Operazione Google, gli estremisti hanno cercato di minare un nuovo strumento di Google per individuare e filtrare insulti razziali ed etnici. Lo hanno fatto sostituendo gli insulti nei loro commenti con i nomi delle società tecnologiche. Così, ad esempio, hanno usato la parola “Google” invece della parola n, e hanno usato la parola “Skype” per riferirsi agli ebrei. Speravano che ciò costringesse Google a censurare il proprio nome, cosa che non è avvenuta. Secondo MEMRI, un’organizzazione di ricerca sui media e l’organizzazione World Sionist, il termine di ricerca “oy vey” ha prodotto anche risultati antisemiti. Nel 2016, Google ha apportato modifiche in modo che la sua funzione di ricerca non suggerisse più il termine di ricerca “gli ebrei sono il male”. Goldenberg ha osservato che parte dell’obiettivo dei “raid” è generare copertura mediatica, in modo tale che i termini antisemiti si diffondano più ampiamente. “La natura di questi raid è attirare l’attenzione sull’antisemitismo”.

Commenti