mercoledì, Giugno 12, 2024

Orrore: bimba di 4 anni violentata e uccisa in Pakistan

Orrore in Pakistan violentata e uccisa bimba di 4 anni. Sul corpicino segni di tortura: sono state trovate escoriazioni su diverse parti del corpo, tra cui schiena, ginocchia e naso

Una bimba di 4 anni è stata violentata, strangolata a morte e lasciata in un canale di scolo in un distretto della provincia del Khyber Pakhtunkhwa. Lo ha reso noto la polizia. Della piccola non si avevano notizie da mercoledì scorso. A trovare il corpo sono stati alcuni passanti. “La bambina è stata abusata e poi strangolata a morte”, hanno confermato fonti mediche secondo cui la piccola sarebbe stata brutalmente torturata.

Pakistan, autorità bloccano l’applicazione TikTok

Thul (Pakistan) – Deraglia treno passeggeri: morti e feriti

Leader Pakistano guadagna la fiducia con 178 voti

Pawri”: il clip virale che avvicina India e Pakistan

Sul corpicino sono state trovate escoriazioni su diverse parti del corpo, tra cui schiena, ginocchia e naso. Al momento la polizia sta indagando su 400 persone che si trovano in quella zona, compresi i parenti. Lo scorso anno nella sola provincia del Khyber Pakhtunkhwa sono stati registrati oltre 180 casi di abusi su minori, compresi gli omicidi.

Nel frattempo, la famiglia della vittima e gli abitanti della zona hanno tenuto una protesta nel distretto di Kohat, chiedendo che fosse fornita loro giustizia. I parenti hanno anche sottolineato come la piccola avrebbe subito una violenza sessuale prima di essere barbaramente uccisa.

La polizia per ora non ha confermato il tutto, in attesa di ricevere i risultati dell’autopsia medica. Purtroppo non è la prima volta che nella zona di Khyber Pakhtunkhwa, nel Pakistan Nord-Occidentale, si verificano episodi del genere. Negli ultimi mesi si sono riscontrati 182 casi di abusi sessuali su minori, secondo i dati forniti dalla polizia. Quattro di questi episodi erano legati ad un omicidio dopo l’aggressione.

I quattro decessi segnalati sono stati individuati rispettivamente nelle città di Mardan, Nowshera, Mansehra e Kohat. Le proteste in tutto il Paese sono aumentate notevolmente nell’ultimo periodo, con una richiesta di intervento da parte del governo per placare l’orrore senza fine.

Leonardo Pietro Moliterni
Leonardo Pietro Moliterni
Presidente dell'Associazione L'Ancora Capo Redattore Responsabile ma sono soprattutto giornalista, foto reporter e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Ho sposato Periodicodaily.com e Notiziedaest.com ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Sono un libero giornalista indipendente porto alla luce l'informazione Nazionale e Estera .. Soprattutto Cronaca, Meteorologia, Sismologia, Geo Vulcanologia, Ambiente e Clima.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles