Niente pentimenti per l’auto elettrica: lo afferma Giovannini

0
458

Niente pentimenti per l’auto elettrica. È quanto afferma il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile Giovannini.

Giovannini: niente pentimenti per l’elettrico?

“Un modo per prendere decisioni è il criterio dei low regrets, investimenti di cui probabilmente non ci pentiremo. E l’auto elettrica è uno di questi” ha affermato il Ministro Giovannini, parlando della necessità di decarbonizzare del tutto la mobilità.


Auto elettriche e ambiente una scomoda verità


Nessun ostacolo al progresso

Il momento è decisamente instabile, lo sappiamo, e non solo a causa del conflitto: la pandemia e la carenza di materie prime hanno fatto la loro parte. Tutti questi fattori però non devono ostacolare il progresso, continua Giovannini. Gli sforzi per l’elettrificazione, insiste, non devono rallentare in questo momento.

Ripresa e resilienza

Il Fatto Quotidiano ha riportato ancora le parole del Ministro. “L’enorme difficoltà che stiamo vivendo non deve far rallentare l’attuazione del PNRR, non a caso il piano si chiama di ripresa e resilienza. Significa anche resilienza agli shock che stiamo vivendo. I biocombustibili e l’idrogeno vanno presi in considerazione laddove non c’è un’alternativa elettrica”.

Piani in revisione

Oltre a questo, ha parlato dei nuovi incentivi per l’acquisto di auto a basse e zero emissioni, ma chiarendo che il piano potrà subire modifiche in qualsiasi momento, per essere adattato alle esigenze del mercato. Quanto alla carenza di infrastrutture di ricarica in autostrada: “Il tema resta caldo, ma la buona notizia è che molti dei piani economici dei concessionari sono in revisione quest’anno”.