New York University: licenziato professore perché troppo severo

0
365
New York University: licenziato professore perché troppo severo

La New York University ha licenziato un professore perché ritenuto troppo severo dai suoi alunni. A Bari un docente è stato picchiato perché ha “osato” mettere la nota ad una studentessa che disturbava durante la lezione. Negli ultimi anni la società ha insegnato ai ragazzi “il diritto di avere sempre ragione” e questo sta portando ad un vero caos nel sistema scolastico.

Il duro mestiere dell’insegnante

Dall’Italia agli USA i il mestiere dell’insegnante è sempre più difficile. Il ruolo dell’insegnate è ormai diventato una figura derisa e insultata sia dagli studenti che dai genitori. Gli insegnati non sono in più in grado di avere autorità e svolgere le proprie lezioni. Ad oggi per un insegnate è difficile svolgere il proprio dovere, tra i genitori che difendono i figli, genitori che denunciano gli insegnati che mettono voti brutti ai figli, genitori che così facendo incentivano i figli a comportamenti scorretti.  Al giorno d’oggi gli insegnanti hanno paura anche solo di riprendere un alunno, perché poi i genitori si precipitano a scuola e si scagliano contro gli insegnanti senza nemmeno ascoltare la loro versione dei fatti.

Licenziato un professore della New York University perché troppo severo 

In questi giorni stanno facendo discutere due episodi avvenuti a New York e a Bari. Alla New York University un professore è stato licenziato dopo che alcuni studenti si sono lamentati di lui perché “ritenuto troppo duro” nell’insegnamento. Maitland Jones Jr, professore di chimica organica, ha perso la cattedra dopo che più di 80 su 350 del suo corso hanno firmato la petizione in cui si lamentavano dei voti, dell’insegnamento e dell’aiuto ricevuto durante la pandemia di coronavirus.

Dopo l’accaduto numerosi insegnanti, e alcuni genitori, si sono detti contrari al licenziamento e hanno affermato che l’incidente indica un abbassamento degli standard accademici.  I professori di chimica contrari alla decisione hanno scritto a diversi presidi della New York University, dicendo che erano preoccupati che il caso potesse minare la libertà della facoltà e indebolire le pratiche di insegnamento comprovate. Molti affermano che la decisione della NYU è indicativa di un problema in un sistema scolastico che è diventato troppo indulgente con gli studenti.

Bari: professore picchiato per aver messo la nota ad una studentessa

A Bari invece un professore è stato picchiato a scuola per aver messo una nota ad una studentessa. L’aggressione, che è avvenuta in aula, è successa dopo che il docente aveva inflitto una nota ad una studentessa che, entrata con ritardo, aveva iniziato a disturbare lo svolgimento della lezione ed a incitare gli altri compagni a fare altrettanto. Subito dopo che il professore le ha messo la nota, la ragazza avrebbe minacciato di vendetta il professore. Doppo poche ore il docente si è trovato in classe due sconosciuti che lo hanno picchiato violentemente.


Leggi anche: Rientro a scuola: ecco il calendario regione per regione