giovedì, Febbraio 29, 2024

New York City dichiara emergenza per la crisi dei migranti

New York City dichiara lo stato di emergenza per la crisi dei migranti. Il sindaco Eric Adams ha riferito che sono arrivati in città più di 17mila richiedenti asilo da aprile. Continua lo scontro sui migranti tra democratici e repubblicani.

New York City dichiara stato di emergenza per la crisi di migranti

Il sindaco di New York Eric Adams ha dichiarato lo stato di emergenza per la crisi dei migranti. Adams ha affermato che l’afflusso di richiedenti asilo che ogni giorno arrivano in autobus in città dal Texas sta creando una “crisi umanitaria”. Il sindaco ha riferito che più di 17mila richiedenti asilo sono arrivati nella Grande Mela da aprile. Ha anche detto che da settembre in media ogni giorno arrivano in città dai cinque ai sei autobus e molti di coloro che arrivano sono famiglie con bambini in età scolare che hanno bisogno di cure mediche. Adams ha sottolineato che l’afflusso di migranti è sulla buona strada per costare a New York 1 miliardo di dollari entro la fine di quest’anno fiscale. Ha poi detto che tali costi stanno mettendo a dura prova le risorse locali e ha quindi chiesto in aiuto finanziamenti federali e statali.

“Questa è una crisi umanitaria iniziata con la violenza e l’instabilità in Sud America che viene accelerata dalle dinamiche politiche americane. Migliaia di richiedenti asilo sono stati portati in autobus a New York City e semplicemente lasciati senza preavviso, coordinamento o assistenza”, ha detto Adams. “I newyorkesi sono arrabbiati. Anche io sono arrabbiato. Questo non l’abbiamo chiesto. Non c’è mai stato un accordo per assumere l’incarico di sostenere migliaia di richiedenti asilo. La città sta per esaurire i fondi per altre priorità. New York City sta facendo tutto il possibile. Ma stiamo raggiungendo il limite esterno della nostra capacità di aiutare. I servizi sociali della città vengono “sfruttati da altri per fini politici”, ha aggiunto.

Gli Stati GOP inviano migranti negli Stati a guida democratica

Per contrastare le politiche della Casa Bianca sull’immigrazione, Texas, Arizona e Florida, Stati a guida repubblicana, hanno deciso di inviare i migranti presenti sul loro territorio nelle cosiddette “città sanitario”, situate negli Stati gestite dai democratici. I funzionari repubblicani di questi Stati hanno affermato che la decisione mira a mitigare l’impatto dei flussi migratori. Inoltre hanno detto che la misura e progettata per aumentare la pressione sull’amministrazione Biden affinché faccia di più per ridurre il numero di migranti che attraversano il confine meridionale degli USA, che quest’anno ha raggiunto un record.

I funzionari repubblicani incolpano le politiche dell’amministrazione Biden per il numero record di arrivi al confine. Dopo le parole del sindaco di NYC Adams, il portavoce del governatore del Texas ha affermato che “la vera emergenza non è a New York ma è al confine meridionale degli USA, dove le piccole città di confine del Texas sono invase e sopraffatte da centinaia di migranti ogni giorno mentre l’amministrazione Biden li scarica nella loro comunità”.


Leggi anche: New York-Texas: è scontro sui migranti

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles