Meteo – Inizio settimana frenetica: piogge forti e temporali con venti a 90 Km/h

0
148

Ci apprestiamo a vivere una settimana frenetica sul fronte meteorologico in quanto già da lunedì ci attendono non solo piogge battenti, ma anche temporali e venti forti. Ma andiamo con ordine e vediamo più nel dettaglio cosa ci aspetta per i prossimi giorni.

Iniziamo il nostro consueto viaggio all’interno della settimana partendo ovviamente dalla giornata di Lunedì Marzo quando il quadro meteorologico generale sarà condizionato da una vortice di bassa pressione in arrivo dalle Isole Baleari. Visti i forti contrasti che si verranno a creare tra masse d’aria diverse (tipico della stagione primaverile), non escludiamo la possibilità di rovesci temporaleschi a carico soprattutto dei settori centro-settentrionali della Sardegna, sud della Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise e Nord della Puglia. Sul resto dell’Italia invece, avremo un tempo più asciutto seppur in un contesto di spiccata variabilità.

Nel corso di martedì 9 il vortice ciclonico lo troveremo parcheggiato in prossimità della Sardegna. Nuove intense precipitazioni saranno dunque possibili sull’Isola e un po’ su tutto il Centro, in estensione poi anche a Campania, Basilicata e Puglia specialmente sul finire della giornata. Da segnalare inoltre il ritorno della neve sui rilievi appenninici centrali a tratti anche copiosa a partire dai 1100/1300 metri di quota soprattutto sui rilievi laziali e abruzzesi.

In seguito, da mercoledì 10, la perturbazione muoverà il suo baricentro verso le regioni del Sud, innescando rovesci temporaleschi su Puglia meridionale, Basilicata, Calabria e settori nord della Sicilia. Sulle due Isole maggiori è atteso anche un deciso rinforzo dei venti, con raffiche di Maestrale oltre 90 km/h.
Sul resto del territorio nazionale invece, il quadro meteorologico sarà contrassegnato da maggiori schiarite, ma anche dal ritorno di qualche banco di nebbia notte tempo e nelle prime ore del mattino su alcuni tratti della Val Padana.

Da giovedì 11 invece, ecco che l’alta pressione riuscirà nuovamente a guadagnare terreno sul bacino del Mediterraneo regalando un contesto atmosferico più tranquillo su buona parte d’Italia salvo per qualche nota d’incertezza a ridosso dell’arco alpino specie sulle aree di confine. A seguire poi, se tutto verrà confermato, da Venerdì 12 e a cavallo del weekend, l’alta pressione si farà sempre più invadente pronta a garantire condizioni di maggior stabilità atmosferica su tutto il Paese.

Commenti